Il partner ideale? Ci somiglia per il 22% | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il partner ideale? Ci somiglia per il 22%

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

L’attrazione è basata su una certa somiglianza con il potenziale partner (eccetto nei casi delle persone stressate, ha scoperto una ricerca), non solo in termini di gusti ed interessi ma anche fisici.

Ma qual è il “giusto grado” di somiglianza perché sia massima l’attrazione? Una somiglianza eccessiva spegne l’interesse, perché inconsciamente tendiamo a considerare la persona un possibile parente. Una somiglianza troppo limitata invece non accenderebbe l’interesse.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Oslo ha studiato il fenomeno, utilizzando a questo scopo un trucco informatico, sottoponendo ad un gruppo di soggetti delle foto di uomini e di donne, che però erano state trattate tramite morphing in modo più o meno esteso i lineamenti del soggetto stesso, oppure di “prototipi” di uomini e di donne.

Il risultato è che i soggetti risultavano più attratti dalle foto che erano state trattate con il morphing con la loro stessa immagine, includendo il 22% dei lineamenti.

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.