Il Pergolesi celebra Caravaggio: ossessioni e fobie del pittore seicentesco | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Pergolesi celebra Caravaggio: ossessioni e fobie del pittore seicentesco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Venerdì 8 settembre, nell’ambito del XVII Pergolesi Spontini Festival, il teatro Pergolesi ha celebrato le passioni, gli incubi, e le paure di un trentottenne Michelangelo Merisi, altrimenti noto come Caravaggio. “Il colore del sole”, questo il titolo dell’opera musicale tratta dall’omonimo romanzo dello scrittore siciliano Andrea Camilleri, racconta la fase di vita più buia, e di cui la storiografia non ha mai potuto dare spiegazioni, di uno dei pittori più controversi del panorama seicentesco. È un’iniziale intervista allo scrittore, celebre per i romanzi sulla figura del Commissario Montalbano, a catapultare lo spettatore nella vicenda di Caravaggio, interpretato da un convincente Massimo Odierna. Il pittore è un uomo in fuga, perseguitato non solo dalle guardie del Papa e dell’Ordine di Malta per l’omicidio di Ranuccio Tommasoni a fronte di una discussione sorta durante il gioco della pallacorda, ma anche da terribili ed agitate ossessioni e fobie, prima fra tutte quella del sole, probabilmente di natura psicosomatica, che lo costringe a vedere “il sole nero” ed a vivere le giornate prigioniero di una eclissi permanente. La drammaticità dell’opera è accentuata dalla musica di Lucio Gregoretti, la quale rende tangibili le ossessioni di Caravaggio. Come il linguaggio di Camilleri è artificiosamente seicentesco per dare veridicità al testo, così la musica richiama volutamente moduli antichi, giocando tuttavia con tratti di modernità che non passano inosservati. Connubio di antico e moderno è anche quello dei costumi di Angela Buscemi, azzeccatissimi nella loro semplicità. Le voci ricoprono un adeguato lavoro di cornice di quella che è l’interpretazione dell’attore. Non deludono orchestra e scenografia, fulcro di questa nuova e creativa rappresentazione. Il Pergolesi Spontini Festival continua con il falso da leggere “Chanson de Bilitis” sabato 9 settembre presso la terrazza del Museo Archeologico Nazionale delle Marche alla ore 18:00; prosegue alle ore 21:00 con la messa “L’Homme Armé” nello scenario della Basilica della Santa Casa di Loreto.

A cura di Gabriele Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.