Il "Peso" del Natale? Come vivere le Feste all'insegna del Bendessere | | Password Magazine

Il “Peso” del Natale? Come vivere le Feste all’insegna del Bendessere

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La Dott.ssa Letizia Saturni

SALUTE CONSAPEVOLE a cura della dott.ssa Letizia Saturni

Un titolo che non vuole spaventare quanto piuttosto far riflettere mentre ci stiamo avvicinando al momento più suggestivo-magico dell’anno: il Natale.

Non è certo mia intensione opprimerVi con espiatori digiuni-del giorno-dopo o massacranti allenamenti per ‘smaltire’ i calorici-succulenti-ghiotti pasti della tradizione né tanto meno dispensarVi la formula di Maga-Magò pancia piatta, sciogli grassi e/o altre diavolerie per far si che l’ago della bilancia e/o i valori di colesterolo, trigliceridi e glicemia aumentino oltremodo!

E’ piuttosto mia intensione dare peso al Natale sottolineandone i valori più nobili e portando consapevolezza sul peso del cibo per vivere le Feste all’insegna del Bendessere allenandoci alla Bellezza del Natale e del Sé.

Riguardo al peso del Natale c’è una notizia brutta ed una notizia buona!

La brutta notizia è che tortellini, crespelle, arrosti, fritti misti, panettoni, torroni e spumante si materializzano in media in 3 kg di peso corporeo.

La buona notizia è che gli artefici dei menù e delle porzioni siamo NOI.

Il Natale è forse l’unica delle forti tradizioni familiari che ancora celebriamo dove il cibo è una delle determinanti. I pasti della tre giorni: Vigilia, Natale e Santo Stefano, sono intrisi di significati antropologici che si traducono in una intima ed accogliente atmosfera dove stupore,  gioia,  serenità, piacere dell’ascolto … sono ingredienti fondamentali. Il cibo è protagonista indiscusso nelle sue molteplici, tipiche e peculiari forme, aromi, profumi e gusti andando ben oltre al solo aspetto nutrizionale. Cibo come tradizione. È nei piatti tipici e tradizionali che si conserva una parte importante della cultura di un popolo. Cibo come ospitalità e amicizia. L’offerta di cibo è il primo gesto di amicizia e di ben venuto. Cibo come ritrovarsi. Per la famiglia il pranzo di Natale è occasione per riunirsi insieme. Ed è in tavola che affiora il nostro modo di essere: i gesti della convivialità, i piccoli impacci, le forzate cortesie, gli sbalzi di nervosismo, le storie individuali con i loro intrecci… Cibo come festa. Non si può pensare a nessuna festa senza un ricco quanto succulento banchetto o senza le portate tipiche. Infine cibo come rituale. L’attenzione nel preparare la tavola, la disposizione dei decori e dei piatti, la cura nel cucinare i piatti tradizionali e/o preferiti…

In questa atmosfera aggiungo che da un punto di vista nutrizionale è importante:

  • mangiare Poco di Tutto. Rinunciare non serve porterebbe privazione e frustrazione. Moderazione è la parola d’ordine;
  • porre attenzione ai condimenti: olio di oliva con moderazione, eliminare il sale a vantaggio di erbe aromatiche e spezie;
  • eliminare gli zuccheri, in particolare quello aggiunto a tisane, caffè, orzo … meglio i dolci natalizi.

Da un punto di vista di stile di vita è importante:

  • controllare la quantità di Vino ;
  • porre attenzione ai superalcolici e distillati;
  • praticare sempre almeno 40’/die di camminata.

Da un punto di vista della cura del Sé ricordiamoci di:

  • evitare digiuni espiatori quanto piuttosto nei giorni successivi conteniamo le porzioni;
  • rispettare la suddivisione in 3 pasti fondamentali: colazione, pranzo e cena eliminando gli spuntini
  • mantenere gli abituali ritmi sonno-veglia.

Auguro a Tutti Voi di trascorrere un Natale Sereno, Giocoso e Leggero e … mangiare non è soltanto cuocere il cibo per rispondere ad un fabbisogno energetico:

il cibo è Dono – Spiritualità&Amicizia –

Fraternità&Bellezza – Colore&Sapienza&Profumo …

Il cibo è Semplicità!

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.