Il Piccolo di Jesi apre il sipario a "Shakespeare", nel ricordo del regista jesino Dario Niccolini | Password Magazine

Il Piccolo di Jesi apre il sipario a “Shakespeare", nel ricordo del regista jesino Dario Niccolini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sabato prossimo (18 febbraio) alle ore 21,30 del Teatro Il Piccolo di Jesi,  si svolgerà un interessantissimo concerto dal titolo  “William Shakespeare, un piede a terra l’altro fra le stelle….” scritto ed interpretato da Lucia Fiori, dedicato al grande drammaturgo William Shakespeare.

Eccellenti  protagonisti  della serata saranno oltre a Lucia Fiori, artista di fama internazionale, l’attore Mauro Pierfederici, l’arpista Stefania Betti e la violinista Cecilia Bramucci.

Abbiamo chiesto a Lucia Fiori che sarà in scena nel doppio ruolo di cantante-attrice e che dello spettacolo ha curato anche la regia, di raccontarci come mai ha pensato a questo Recital e di cosa si tratta esattamente.

LUCIA FIORI:L’idea di una serata musicale interamente dedicata a William Shakespeare, mi è nata dallo scoprire che vi è ancora un fitto ed insondabile mistero intorno a questo monumentale  drammaturgo detto “Il Bardo”.

Le molte biografie su William Shakespeare, sono costruite in ampia parte  su illazioni, su deduzioni, su ipotesi indimostrabili  e mai dimostrate, sono piene di si pensasi ipotizza…. egli potrebbe essere stato.potrebbe aver detto…. egli potrebbe aver scritto….. insomma sembra proprio che quando si parla di Shakespeare  il condizionale sia obbligatorio e l’ipotizzare una regola.

Il Soprano Lucia Fiori e l’attore Mauro Pierfederici

LUCIA FIORI: “I dubbi su di lui nascono per un’infinità di motivi, tutti ricollegabili al fatto che di lui si sa pochissimo ed il pochissimo che si sa, ed è proprio questo che ha per me dell’incredibile, non riguarda affatto la letteratura. Sappiamo che era figlio di un conciatore di pelli, conosciamo i nomi  di sua moglie e dei figli, sappiamo di transazioni commerciali, di atti notarili e nulla più.  Ci sono pervenute solo 6 firme di un certo William Shakespeare, tutte vergate fra l’altro con una grafia molto incerta, forse perché le aveva apposte quando era ormai vecchio e malato? O la grafia appare così incerta perché era semplicemente semianalfabeta?

I dubbi sui suoi scritti sono tali e tanti che in Inghilterra esiste addirittura un’associazione che ha redatto ufficialmente una Declaration of Reasonable  Doubt  about the Identity of William Shakespeare (Dichiarazione di ragionevole dubbio sull’identità di William Shakespeare).

Tutto questo  mistero mi ha incuriosita ed affascinata insieme, di qui l’idea di concepire un testo per raccontare con le parole oltre che con la musica, il poco che sappiamo ed il tantissimo che ancora  non sappiamo su colui che viene comunque indicato da tutti, nonostante i mille dubbi, come il più grande drammaturgo inglese  del periodo Elisabettiano.  Il testo si snoda attraverso arie di compositori quali Thomas Morley, Claudio Monteverdi, William Lawes, Giulio Caccini, John Dowland, Girolamo Frescobaldi,  Andrea Falconieri ed altri artisti, tutti vissuti come Shakespeare a cavallo fra il 1500 ed il 1600”.                                                                

Il 18 Febbraio, alle ore 21,30 al Teatro Piccolo San Giuseppe di Jesi, il pubblico potrà dunque assistere ad una serata di grande interesse culturale e piena di bella musica. La voce narrante dell’ attore  Mauro Pierfederici, il canto e la recitazione di Lucia Fiori, il suono dell’arpa di Stefania Betti e del violino di Cecilia Bramucci, ci trasporteranno nota dopo nota, parola dopo parola, nel mondo letterario ed artistico di William Shakespeare, nonché nel mondo più intimo e terreno di uno dei più grandi “sconosciuti” scrittori inglesi…… sempre ammesso che un William Shakespeare sia davvero esistito e che fosse davvero inglese e nativo di Stratford-Upon-Avon!

(Comunicato da: Organizzatori)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.