Il prefetto in visita a Jesi: "I reati sono in calo" | Password Magazine

Il prefetto d'Acunto in visita a Jesi: "I reati sono in calo"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nessuna situazione critica sul fronte sicurezza, anzi i reati sono in calo. Queste le parole del prefetto Antonio d’Acunto, in visita ieri mattina a Jesi prima della firma del protocollo d’intesa con il Comune di Jesi “Mille Occhi sulla Città”.

Jesi è tra i primi Comuni delle Marche a sottoscrivere un protocollo di intesa con la Prefettura – denominato “Mille occhi sulla città” – che coinvolgerà gli istituti di vigilanza privata.

In particolare le guardie giurate – che seguiranno corsi di formazione specifici – diventeranno “vedette” del territorio segnalando alle forze di polizia ogni elemento utile per la prevenzione e la repressione dei reati, come la presenza di persone o mezzi di trasporto sospetti o situazioni che fanno ritenere imminenti azioni predatorie.

Più occhi, insomma, e più operatori formati a presidio della Comunità, che si affiancheranno e collaboreranno attivamente con le forze dell’ordine a cui spetterà ovviamente la titolarità esclusiva della sicurezza.

È un protocollo che fin da subito potrà essere efficace in alcune parti della città più sensibili ma che in futuro potrà estendersi in tutti i quartieri di Jesi.

Accanto al prefetto, nella Sala consiliare, il sindaco Massimo Bacci, gli assessori e tutte le forze dell’ordine della città. Il sindaco all’occasione ha anche annunciato che da luglio arriveranno il personale della polizia municipale crescerà di due unità, con possibilità di estendere l’orario di servizio degli agenti a luglio e agosto il giovedì e il venerdì fino alle 22 e il sabato fino alle 24.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.