Il ritorno di James Gandonlfini nella serie "I Soprano" | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Il ritorno di James Gandonlfini nella serie "I Soprano"

Sono passati quattro mesi dalla morte di James Gandolfini, il Tony Soprano della celebre serie tv Hbo, The Sopranos, ma l’imminente uscita di un cofanetto che racchiude tutte e sei le stagioni girate dal 1999 al 2007 impongono un ricordo del boss mafioso del New Jersey più famoso della storia della televisione.

Prodotta dall’emittente Hbo, ideata e sceneggiata dallo statunitense David Chase, I Soprano sono considerati da tutti una delle migliori serie televisive mai prodotte nella storia, uno dei primi casi in cui la qualità registica e narrativa di un prodotto seriale eguaglia e alle volte supera la grande industria filmica hollywoodiana.

Il successo è presto spiegato dalla bravura del suo ideatore e dalla presenza sul set di attori di primissimo ordine, e non solo James Gandolfini, che fanno de I Soprano un prodotto televisivo commerciale e esportabile in tutto il mondo, in primis in Italia, anche se secondo dati auditel la serie non ebbe un impatto paragonabile a quello americano, al momento della messa in onda del primo episodio.

Il vero mattatore delle sei stagioni non può non essere che James Gandolfini; la doppia personalità di Antony, diviso fra le due famiglie, quella mafiosa e quella coniugale, è uno dei tanti fili conduttori che trattengono legato lo spettatore al piccolo schermo. Così come il rapporto tormentato del boss italo-americano con la sua analista di fiducia.

Attraverso gli occhi dei Sopranos possiamo vedere le tante sfaccettature del modello americano condito da un’escalation di violenza che è presente in quasi tutti gli 86 episodi della serie, ma anche del prototipo italiano, rappresentato dalle parole pronunciate in un dialetto sulla falsa riga di quello avellinese, dal Vesuvio, ristorante di uno dei protagonisti della serie, dove vengono serviti enormi piatti di spaghetti al pomodoro e dagli abiti pacchiani e sgargianti indossati dalla prima all’ultima serie.

Emblematico l’episodio in cui Tony Soprano si reca a Napoli. È questo il momento in cui il mondo malavitoso americano e quello italiano si incontrano. Due mondi diversi ma uniti dalla voglia di creare un’unica ed enorme organizzazione criminale che parte da Napoli per arrivare nei palazzi di Wall Street.

L’arrivo del tanto atteso cofanetto permetterà a tutti gli spettatori di poter rivivere e approfondire ogni aspetto di questa fantastica serie e per chi, ancora, non avesse visto almeno un episodio de i Soprano è il momento giusto per appassionarsi ad una serie incentrata sul denaro, sul potere e sul sesso.

Giuseppe de Lauri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.