Il ritorno di Ulisse

Al Roma fiction Fest è stata presentata una fiction “epica” dal nome Il ritorno di Ulisse, produzione italo/francese con la regia di Stephane Giusti. Un’operazione ambiziosa, che si distacca dalle solite serie a cui mamma Rai ci ha abituato, soprattutto per il carico (e la responsabilità) culturale dell’opera.  L’Odissea, prototipo ancestrale della narrativa da viaggio, affronta tematiche ancora attuali, legate all’uomo e alla sue esistenza, come la ricerca solitaria, il ritorno a casa, la perdita e la riscoperta dell’identità.  Molti registi hanno affrontato quest’opera trasponendola in pellicola: ricordiamo Mario Camerini, la serie televisiva di Franco Rossi, per non parlare di quella del regista Andrei Konchalivsky nel 1997.

Gli interpreti saranno Alessio Boni ( lo ricordiamo già in Caravaggio, , a teatro in Michelangelo e Amerigo Vespucci) nei panni di Ulisse e Caterina Murino in quelli di Penelope. Ulisse è un uomo distrutto psicologicamente dalla guerra e dai viaggi compiuti per tornare a Itaca, lo sguardo perso nel vuoto, gli eccessi d’ira e la paranoia rendono bene l’idea dell’uomo che è tornato: uno completamente diverso e cambiato dalla tragedia che è stata a sua vita.

In questo caso agli ideatori di questo Odysseus (un titolo volutamente più internazionale) non è di certo mancato il coraggio, infatti la serie si incentra specialmente sul nuovo regno di Ulisse dopo il suo ritorno. L’eroe è divenuto rabbioso e ossessionato dal tradimento, incapace di discernere tra nemici e amici. Ora l’astuzia che Omero gli attribuisce cede il passo all’ira e l’impulsività. Un eroe trasformato, profondamente riscritto da Frèdèric Azèmar. La scenografia sembra di buon livello, segno dell’impegno profuso in questa coproduzione internazionale. Un buon risultato per il rilancio della televisione italiana.

A cura di Giuseppe De Lauri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*