Il sindaco Bacci: "Contro lo smog, Jesi presa a modello dall'Arpam" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il sindaco Bacci: "Contro lo smog, Jesi presa a modello dall'Arpam"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ad un giorno dalla domenica ecologica, il sindaco di Jesi Massimo Bacci ringrazia sui social  l’Agenzia Regionale per l’Ambiente delle Marche (Arpam), massima autorità in materia di qualità dell’aria, per aver riconosciuto Jesi uno dei pochissimi Comuni della regione ad aver assunto in questi ultimi anni interventi seri, concreti e strutturali contro le polveri sottili.

E apprezzo il chiarimento della stessa Agenzia circa il fatto che definire Jesi “maglia nera” per inquinamento a causa del numero di sforamenti al tetto di polveri sottili è una bugia bella e buona – spiega il Sindaco – la centralina di Viale della Vittoria, infatti,  fa parte di uno strumento di rilevazione regionale e indica l’inquinamento non solo della nostra città, ma quello medio delle città marchigiane che hanno lo stesso volume di traffico di Jesi”.

In questo scenario di azioni in cui sono stati realizzati i primi 5 chilometri di piste ciclabili in città (e quest’anno se ne aggiungeranno altri cinque), in cui sono stati dati contributi per l’acquisto di biciclette, in cui il Comune ha sostituito le auto blu con bici a pedalata assistita, in cui sono state emesse ordinanze per limitare le temperature sugli impianti di riscaldamento e sull’utilizzo dei camini a legna nelle abitazioni dotate di altri impianti, in cui Jesi è capofila di una ventina di Comuni per il primo distretto cicloturistico della regione, domani vi saràanche la prima domenica “ecologica”, con un invito a non utilizzare l’auto, sia pure limitato a sei ore complessive.

“L’augurio è che questa occasione possa essere utile per riflettere sull’importanza di una diversa mobilità – commenta Bacci – Certamente sei ore senz’auto non abbattono le polveri sottili, ma invitano tutti a prendere coscienza del fatto che vi è un problema serio, quello della qualità dell’aria, che riguarda ciascuno di noi. Non mancheranno i detrattori, ma che se ne facciano una ragione perché noi abbiamo le idee chiare. Concludo con una postilla: l’ora di sciopero indetta da un sindacato in un’azienda dove si è verificato un grave incidente sul lavoro, non risolve il problema della sicurezza dei dipendenti. Ma manda un segnale preciso. E tutti i lavoratori, animati da buon senso, aderiscono. Sei ore senz’auto in una città che, al pari di tutte le altre principali della regione, soffre di inquinamento da polveri sottili, non migliora la qualità dell’aria. Ma manda un segnale preciso. E mi auguro che tutti i cittadini, animati da buon senso, ne capiscano la valenza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.