Il sindaco di Maiolati: "Discarica, stop a falsi allarmismi". | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il sindaco di Maiolati: "Discarica, stop a falsi allarmismi".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Il sindaco Giancaro Carbini interviene sul dibattito legato alla discarica La Cornacchia di Moie “per fare un po’ di chiarezza … Nel rispetto dei fatti e della verità”.

Ecco i fatti. Il comune di Maiolati Spontini ha confermato la disponibilità alla realizzazione sul proprio territorio dell’impianto di trattamento del secco (il rifiuto indifferenziato che deriva dai contenitori grigi della raccolta differenziata), in un’area acquistata dal CIS oltre 10 anni fa, su scelta dei dodici Comuni soci ed in attuazione del Piano provinciale rifiuti. L’impianto dovrà trattare il rifiuto “grigio” per recuperare ancora materiale riciclabile (stimabile intorno al 25 per cento) come plastica, carta, vetro, ecc. con l’obiettivo  prioritario di portare quindi sempre meno rifiuti in discarica. Tale impianto è previsto dal Piano provinciale rifiuti da circa 10 anni. Con la responsabile decisione della Provincia l’impianto di trattamento del secco di Moie sarebbe l’unico per tutta la Provincia. Considerando che l’obiettivo della raccolta differenziata, quando l’impianto dovrebbe entrare in funzione, sarà almeno del 65 per cento, dovrà trattare la stessa quantità di rifiuti ipotizzata inizialmente. Infatti l’impianto avrebbe dovuto trattare il rifiuto secco dei 33 Comuni del Consorzio CIR33 (i Comuni del CIS, Jesi, Senigallia, Fabriano e altri) ma per un quantitativo stimato su una raccolta differenziata ipotizzata al 35 per cento. Nessun aumento del traffico e nessun disagio per la viabilità rispetto a quanto previsto inizialmente. E’ urgente realizzare l’impianto per poter usufruire degli ultimi finanziamenti FAS (4.724.000 euro) che altrimenti sarebbero persi e l’impianto dovrebbe poi essere finanziato con i soldi della tariffa, cioè prendendo soldi dalle tasche dei cittadini, aggravando ancor più la situazione in questo difficile momento di crisi. La disponibilità di risorse all’interno dei fondi FAS (per la realizzazione dell’impianto) richiede l’avvio delle gare d’appalto entro il termine del 31 dicembre 2012.

Le attuali deroghe concesse dal Ministero dell’Ambiente, che consentono il conferimenti dei rifiuti non trattati nelle discariche, scadranno il 31 dicembre 2013.  E’ urgentissimo realizzare tale impianto altrimenti dal 1° gennaio 2014 nessun rifiuto non trattato potrà più essere conferito in discarica e saremmo in emergenza non sapendo più dove portare i rifiuti. La mancata realizzazione dell’impianto espone tutta la provincia di Ancona al rischio di infrazione da parte della Comunità Europea. Chi è contrario a tale percorso proponga, se mai ce l’ha, un’alternativa concreta che consenta di non perdere i finanziamenti FAS e di realizzare l’impianto entro il 2014: non avrebbe nessuna contrarietà da parte nostra.

Ribadiamo: l’impianto era già previsto da almeno 10 anni e tratterà lo stesso quantitativo di rifiuti previsto a suo tempo,  L’impianto dovrà adottare la migliore tecnologia senza nessuna produzione di cdr (Combustibile dai rifiuti destinato ad essere bruciato nei termovalorizzatori). Nessun aumento del traffico rispetto a quanto previsto inizialmente. O meglio, il traffico è poi destinato a diminuire progressivamente con la chiusura della discarica dei rifiuti solidi urbani.

Nessun ampliamento della discarica di Moie per il comparto rifiuti solidi urbani è previsto e né ci sarà, sia perché tecnicamente impossibile (non ci sarebbe più spazio nell’area), sia perché troverebbe la ferma opposizione del comune di Maiolati Spontini. Concorderemo con la Provincia iniziative finalizzate a fornire le corrette informazioni ai cittadini sulla base dei fatti e della verità al di fuori di ogni strumentalizzazione, di falsi allarmismi e di miopi campanilismi.

Comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.