La cultura piange la scomparsa del regista Dario Niccolini

JESI – Si sono svolti oggi presso la Chiesa S. Francesco D’Assisi di Jesi alle 15 i funerali di Dario Niccolini, regista, attore e autore. Fondatore della Compagnia La Barcaccia, nella sua vita ebbe l’onore di lavorare con una giovanissima Valeria Moriconi e con Corrado Olmi. Nato ad Ancona nel 1922, si è spento domenica notte, a pochi giorni dal compimento del suo 94 esimo compleanno.

Una carriera lunghissima, che parte dal 1944, anno del suo debutto in palcoscenico, che praticamente non ha lasciato mai: Niccolini ha seguito sin dagli inizi della sua carriera l’attrice jesina Lucia Bendia e il regista senigalliese Antonio Lovascio. Tuttavia, nonostante la passione per il Teatro, non abbandonò mai il suo impiego da ragioniere al consorzio agrario per la vita “vagabonda” di attore, una professione che lo avrebbe allontanato dalla famiglia.

“Il teatro è vita – diceva – e quando scendi dal palcoscenico sei un altro, diverso da quello che eri prima, salendoci sopra”. Così lo ricorda il giornalista Giovanni Filosa: ” Il suo credo, fermissimo, era sempre lo stesso, “Il teatro è un sacrificio d’amore che dura tutta la vita”. Incontrati Natale Anconetani, di Jesi, e Lirio Arena, di Ancona, si innamorò perdutamente delle assi più o meno sgangherate di un palcoscenico qualsiasi. Attore, autore, regista integro nelle sue idee, ha fondato Compagnie e ne ha dirette mille altre. Se n’è andato sereno, e nella testa mi riecheggiano ancora le sue parole: “Quando rinascerò, vorrò che a scuola, fra le materie di studio, ci sia il Teatro, perché insegna la vita”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*