Il Tribunale Diritti del Malato: «Il Carlo Urbani deve tornare covid free» | Password Magazine

Il Tribunale Diritti del Malato: «Il Carlo Urbani deve tornare covid free»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Liberare quanto prima il Carlo Urbani dai pazienti COVID per far sì che si riprendano quanto prima le attività ambulatoriali e chirurgiche». A parlare è il Tribunale per i Diritti del Malato (TDM), tramite la voce del coordinatore Pasquale Liguori:  «I reparti di Ortopedia. Chirurgia e Urologia sono pronti a ripartire con le rispettive attività ma recuperando necessariamente tutti i loro spazi, al fine di dare al paziente interventi in sicurezza, che una commistione di diverse patologie oggi non garantisce; non vorremmo che a qualcuno gli venisse in mente di far proseguire le attività chirurgiche in maniera accorpata». Il TDM ha anche scritto al Direttore d’Area Vasta 2 Guidi, sollecitando ancora una volta il ritorno alla normalità, dato le liste di attesa che si sono allungate in maniera sensibile dopo la sospensione da COVID. La risposta del Direttore non si è fatta attendere: «La direzione sta predisponendo un piano di rientro graduale alla attività ordinaria ma tutto ciò avverrà tenendo sempre aperta in ospedale un’area grigia , così definita, riservata ai sospetti COVID». Su questo aspetto il Tribunale per i Diritti del Malato esprime assoluta contrarietà: «Noi diciamo che deve essere l’ospedale da campo, oggi quasi vuoto, a garantire questa funzione, solo così si potrà  garantire all’interno del nostro ospedale sicurezza da possibile contagio per i pazienti che torneranno a frequentare lo stesso. Oltre a ciò abbiamo chiesto al Direttore di prevedere, appena liberato l’ospedale dai pazienti COVID, una profonda e sostanziosa sanificazione degli ambienti certificata da organismi autorizzati».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.