Il trono di Spade | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il trono di Spade

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nel 2011 viene trasmessa, con enorme piacere degli appassionati, la serie televisiva “Games of Thrones”, ovvero Il Trono di Spade, tratta dai romanzi fantasy epici di George R.R. Martin. Le tre stagioni, rispettivamente del 2011, 2012 e 2013, si basano sui libri pubblicati in Italia dalla Mondadori dai nomi Il Trono di Spade e Il Grande inverno, per la prima serie; Il regno dei Lupi e La Regina dei Draghi per la seconda stagione; Tempesta di SpadeI Fiumi della GuerraIl portale delle Tenebre per la terza stagione.

La trama è davvero molto intricata, come ogni fantasy che si rispetti. Nella prima stagione Robert Baratheon, Re dei Sette Regni, si reca a Grande Inverno per chiedere all’amico Eddard di sostituire Arryn, Primo Cavaliere del Re morto per mano dei Lannister, secondo ciò che sostiene la vedova. All’arrivo della delegazione reale, il figlio di Eddard, Bran, sorprende i fratelli Cersei e Jaime Lannister legati da un rapporto incestuoso e viene buttato giù da una torre. Al di là del mare Daenerys Targaryen, figlia esiliata di un re spodestato da Robert Baratheon, viene costretta dal fratello Viserys a sposare Khal Drogo capo dei dothraki, unione strategica nella riconquista dei Sette Regni. Da qui cominciano le numerose giravolte narrative che segnano il passaggio dalla pace alla guerra e infine alla pace.

La serie risulta emblematica nella sua tipicità. Essa rispecchia il vero fattore positivo della serialità. L’autore G.R.R. Martin aveva infatti ricevuto numerose proposte di adattamenti cinematografici, sempre declinati, dal momento che un film non sarebbe bastato a contenere per intero tutta la trama. Un problema riscontrato già nell’adattamento di numerosi colossal, come ad esempio ne  Il Signore degli Anelli, dove Peter Jackson si vide costretto a dividere l’intera saga in tre film. Questo certamente porta ad un vantaggio esplicativo e ad una maggior attinenza alla trama originale, ma la distanza temporale tra un film e l’altro è stata di due anni. In effetti la memoria degli spettatori viene messa a dura prova. Con la trasposizione televisiva e con una serialità continua il prodotto finale affascina anche per la sua capacità di creare neofiti che solitamente sono poco attratti dal fantasy.

La storia della produzione di questa serie è l’icona di come il cinema americano sia ideato e attuato come una vera e propria industria. Infatti è dal 2008 che numerose case di produzione, emittenti televisive, diverse centinaia di persone sono coinvolte in un progetto che prenderà forma solo nel giro di 3 anni. La prima stagione è costata circa 50 milioni di dollari, esattamente come 10 film italiani di livello medio-alto.

Aprire gli investimenti privati sul cinema e televisione, investire su prodotti italiani trattati da autori italiani, intendere la cinematografia non solo come artigianato, ma come una vera e propria industria culturale non potrebbero essere queste valide, seppur esigue, misure anti-crisi?

Giuseppe De Lauri

 

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.