Il Vangelo di Marco in dialetto jesino nella Chiesa di San Marco Evangelista | Password Magazine

Festival Pergolesi

Il Vangelo di Marco in dialetto jesino nella Chiesa di San Marco Evangelista

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FCC2CFCA-8A3E-45E1-9C8E-9961F8903D6D

CASTELBELLINO- «La nostra sarà una comunità che quando si ritroverà qui, in chiesa, sarà abbracciata dall’opera del suo santo Patrono». Così Don Maurizio Fileni nel corso della presentazione ai fedeli della sua ultima opera. Il parroco di Castelbellino ha realizzato la traduzione del Vangelo di Marco, riadattandolo al dialetto jesino e riproducendolo all’interno della Chiesa di San Marco Evangelista a Castelbellino Stazione.

WhatsApp Image 2022-05-30 at 09.19.06
Proprio per la sua attività di divulgazione della Parola e valorizzazione di un importante patrimonio quale il dialetto locale, Don Maurizio era stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco, accompagnato dal Vescovo della diocesi di Jesi Mons. Gerardo Ronconi e dal Vescovo Emerito di Loreto e Nunzio Apostolico Mons. Giovanni Tonucci.
Entrambi erano presenti anche oggi all’inaugurazione dell’opera di Don Maurizio, che già aveva realizzato un simile progetto a Monte Roberto.WhatsApp Image 2022-05-30 at 09.19.02Mentre il vescovo di Jesi ha avviato una riflessione su Marco e sul suo Vangelo, arrivando a definire l’idea di fondo del Vangelo di Marco, da ricercare nella spinta a condurci a capire chi è Gesù, Monsignor Tonucci si è rivolto direttamente alla comunità invitando a vivere più a pieno la chiesa e la parola di Dio:
«Quest’opera è un invito a riflettere, un invito a riflettere in chiesa- dice il nunzio apostolico- è uno stimolo anche per approfondire a casa la parola di Dio».

WhatsApp Image 2022-05-30 at 09.19.05 (1)

Sono 23 mila le parole che sono state riportate all’interno della chiesa consacrata nel 1984, ciò ha comportato un lavoro che Don Maurizio definisce come molto faticoso, ma sicuramente ben organizzato: «Con Claudio Petrozzi siamo arrivati alla fine della trascrizione che non ne potevamo più, ma siamo stati molto bene organizzati avendo calcolato in maniera strettamente precisa gli spazi».
Don Maurizio infine tiene a sottolineare che la sua non è ancora un’opera d’arte, il sacerdote 72enne spiega infatti che solo con il favore di tre generazioni questa può essere definita tale.
«Questa diventerà un opera d’arte fra qualche generazione, non mi fido dei critici che spesso fanno capo ad interessi economici. Io mi fido solo del popolo».
Ad animare l’evento il Coro Parrocchiale che si è esibito con varie melodie e due attrici, Oriana e Anna, che hanno interpretato alcuni dei passi del vangelo tradotto da Don Maurizio.
A moderare l’iniziativa parrocchiale è stata la giornalista Beatrice Testadiferro che ha ricordato come il 29 maggio si celebri la Festa della Comunicazione Sociale.
«È significativo come noi siamo qui oggi, nella giornata della Comunicazione Sociale ad inaugurare un opera che è frutto dei primi grandi comunicatori: gli Evangelisti. Il Vangelo è uno dei più importanti  strumenti di comunicazione»

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.