Il Verdicchio sulla tavola delle Feste. Intervista a Marco Simonetti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Verdicchio sulla tavola delle Feste. Intervista a Marco Simonetti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

STAFFOLO – Natale, tempo di regali. Ma anche periodo in cui si rispolverano le tradizioni, si accolgono parenti e amici in casa e si condividono con loro piacevoli momenti a tavola. E sotto l’albero, sempre più spesso risulta essere un regalo ben gradito un cestino ricco di prodotti tipici locali o una confezione di vino. Perché la qualità a tavola è senza dubbio per noi marchigiani una priorità, tanto da essere diventata un marchio di fabbrica oltre che un vanto capace di conquistare i cuori – o forse meglio dire i palati – dei mercati internazionali.

Ne parliamo con Marco Simonetti dell’azienda agricola Simonetti di Staffolo che oggi conta sui suoi 15 ettari di vigneti una produzione di 60 mila bottiglie rappresentando una bella realtà per il nostro territorio.

Natale, ci prepariamo ad imbandire le tavole con i prodotti della tradizione. Tra questi il vino non può di certo mancare. Cosa ci consigli?

“Il Natale è alle porte e come tradizione il vino è sempre al centro della tavola bianco o rosso che sia.
Il prodotto che consiglierei a tutti è il nostro Classico Superiore d.o.c., vino di grande importanza persistente ma con una facile beva.
Negli ultimi anni, al vino è stato restituito il suo valore aggiunto: i clienti sono ben contenti di spendere quell’euro in più pur di avere a tavola un prodotto che sia naturale e genuino. Se l’azienda lavora con trasparenza, la clientela premia”.

Una bottiglia di vino di qualità può essere anche un regalo da mettere sotto l’albero per parenti e amici. Come orientarsi nella scelta? Come distinguere un vino di qualità da uno scadente?

“Stando alla mia esperienza di commerciale in azienda,  posso dire che il vino più venduto e apprezzato dai nostri clienti è sicuramente il Verdicchio.Da due  anni a questa parte, proprio per orientare il cliente verso una scelta consapevole,  organizziamo visite guidate e incontri in cantina con il l’enologo Fabrizio Fimiani cosicché il consumatore stesso possa toccare con mano e vedere come trattiamo il vino.
In particolare, noi non utilizziamo il diserbante né trattamenti sistemici, soltanto rame e zolfo in dosi calcolate al bisogno della piante tramite analisi ben precise. Lavoriamo in due piani cosi che il vino non viene pompato per arrivare nelle botti ma vi arriva per caduta naturale: sono tutte piccole accortezze che si notano in bottiglia”.

Nel Verdicchio è racchiusa una parte importa dell’ identità e della storia del nostro territorio. Come si è evoluto nel tempo? Quali sono le caratteristiche richieste dal mercato?

“Oggi il Verdicchio è il vino bianco più premiato dalle guide italiane e questo fa onore a tutti noi produttori.
Rispetto al passato, sicuramente si è evoluto cioè siamo riusciti ad alzarne il livello, conferendogli più freschezza, mineralità e trattenendo in bottiglia un bell’aroma fruttato e molto gradevole per il consumatore di oggi, mantenendone la naturale essenza.
La nostra azienda produce un 90 % di Verdicchio – lo Staphylè – ed un 10 % Rosso Piceno, secondo quelle che sono le richieste del mercato in Italia e all’estero: da circa un anno, abbiamo venduto vino in Germania, Australia, Cina. La “sete” di Verdicchio sta aumentando, di fronte ad un mercato che chiede un vino morbido, persistente ma anche molto beverino cosi che da gustare a tavola”.

Come si è evoluta infine l’azienda vitivinicola moderna per rispondere alle esigenze di mercato? Quali sono le difficoltà di un’azienda che deve costantemente coniugare tradizione e innovazione?

“La nostra realtà oggi può contare su nuove tecnologie: utilizziamo una pressa a spremitura ultra soffice di ultima generazione, pompe per convogliare le uve intere nelle presse, il ghiaccio secco per contenerne le temperature. Per la pulizia dei mosti viene utilizzato il flottatore, ovvero una macchina che riesce ad immettere azoto nel vino cosicché il mosto venga pulito e conservato. Tutto ciò per essere più competitivi sul mercato, sia per qualità che per naturalezza del prodotto.
L’utilizzo di attrezzature moderne non ci spostano dal nostro obbiettivo e il vino rispetta ugualmente le sue caratteristiche originali, senza alcun danno sul prodotto finale.   Il Verdicchio deve puntare a farsi conoscere in tutto il mondo come un vino naturale che rispecchia sia le caratteristiche della tradizione sia i vantaggi di un prodotto lavorato investendo in innovazione anche tecnologica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.