Il verso più lungo in strada di Ivan Tresoldi cambia il volto di Maiolati

MOIE – Manifesti affissi sui muri degli spazi urbani, bandiere stese da un capo all’altro di una piazza o di edifici simbolo della comunità, come quelle che sventolano fra la biblioteca La Fornace e la Delegazione comunale di Moie, e poi, questa mattina, il “Verso più lungo del mondo”, scritto con un gessetto di Ivan Tresoldi sul marciapiedi di fronte al Polo scolastico di via Venezia. La cittadina di Moie, il capoluogo Maiolati Spontini e Scisciano hanno cambiato volto dopo la settimana di “Chiamata alle arti” del poeta di strada e neomuralista di fama internazionale. Ma forse a lasciare un segno ancora più profondo è stato proprio l’incontro con Tresoldi, a cui i cittadini hanno affidato poesie, parole, segni grafici, finiti appunto nei cartoncini e nei manifesti, forniti dallo sponsor Cartiere di Fabriano-Gruppo Fedrigoni

L’iniziativa, realizzata dal Comune con la collaborazione dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” e il patrocinio della Regione Marche, avrà il suo momento conclusivo domani (domenica 1° dicembre), dalle 15.30, alla biblioteca La Fornace, dove Ivan terrà il monologo “Dare parola”, alla presenza del pubblico e dei cittadini. 

Questa mattina, a radunare una folla non solo di studenti ma di cittadini di ogni età, tanti dei quali avevano già conosciuto Ivan nel fitto calendario di incontri che ha caratterizzato la sua settimana in Vallesina, è stata, appunto, la performance del “Verso più lungo”. Come una sorta di “pifferaio matto”, come lui stesso si è definito, ha raccolto dietro di sé decine e decine di persone con le quali ha interagito e da cui ha tratto stimolo per la sua creazione. “Sento una grande responsabilità – ha detto Tresoldi – perché sono le parole che la comunità mi ha affidato”. “Ivan ci ha riempito gli occhi oltre che il cuore – ha commentato l’assessora alla Cultura Deborah Carè – restituendoci un promemoria visivo dei racconti e delle parole raccolte tra la gente. Un lavoro sulla nostra identità che, sono certa, rimarrà impresso a lungo nella memoria di tutti noi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*