Il viaggio attraverso i documentari: la nuova frontiera | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Il viaggio attraverso i documentari: la nuova frontiera

I migliori documentari dedicati ai viaggi sono appannaggio di francesi e inglesi. Ne è un esempio il programma J’irai dormir chez vous?  – Posso venire a dormire da voi? – condotto dal giornalista, regista e personaggio televisivo francese Antoine de Maximy. L’instancabile giramondo, protagonista della serie di Rai 5 bussa alle case di famiglie sconosciute in giro per i continenti nel tentativo di scoprire usi e costumi dei più svariati luoghi-mondi, e lo fa in maniera del tutto originale, attraverso un sistema di mini-telecamere che riprendono ogni cosa e persona incontrata.

Ma non è l’unico. Sebastien Perez, giornalista di CAPA e ora di questa nuova serie L’arte di arrangiarsi ci accompagna a spasso per i Paesi la cui economia è letteralmente fondata sull’arte di arrangiarci con un tour che si muove attraverso i bassifondi dei Paesi più poveri e arretrati.

Altro esperimento di produzione francese è Carnets de Voyage, un programma che invita lo spettatore a scoprire posti insoliti attraverso l’occhio di giovani illustratori-viaggiatori. Dalle montagne armene ai mercati giapponesi all’arcipelago di Capo Verde, ogni documentario (nel totale di 10) offre la visione oggettiva e soggettiva delle etnie e società, attraverso schizzi, disegni e immagini della machina da presa. Le sensazioni dei conduttori-illustratori ci vengono presentate attraverso la loro sensibilità e ci danno una visione totale su ciò che un uomo moderno, inteso come uomo occidentale, può recepire nei vari spostamenti.

Insomma in questa società globalizzata non è smarrita la voglia di scoperta, sempre più a portata di telecomando, mentre cresce la sensazione che culture grandemente diverse siano a noi più vicine, un po’ più chiare e comprensibili. Certo il mondo non si gira seduti sul divano, ma se si pensa che neanche due generazioni fa esistevano ancora il “sogno americano”, “gli odori dell’India” e tutti gli spostamenti sembravano un’ impresa, c’è da sorprendersi per il veloce progredire degli sguardi sul mondo. Il problema principale di queste fugaci attenzioni è certamente il perpetrarsi di innati stereotipi, che possono diradarsi solo con la visita in prima persona dei luoghi interessati, o meglio con una fetta di vita passata in mezzo alle diverse culture. Questo ci renderebbe perfetti antropologi e sicuramente più che mai veri cittadini del mondo, un concetto che va al di là del cosmopolitismo. Cosa impossibile, chiaramente. Non resta che dare un giudizio positivo a questi documentari di scoperta, i veri nuovi esploratori dell’era globale, che non hanno come fine quello di scoprire nuovi mondi, ma di presentarli a coloro che restano a casa davanti la tv, a coloro che non hanno possibilità di viaggiare, a tutti insomma.

Viene da chiedersi perchè la nostra tv non riesca a “partorire” programmi simili. Certo, abbiamo anche noi i nostri programmi dedicati al viaggio, direbbe qualcuno. E’ il caso di fare il nome di Geo and Geo, condotto dalla sempre sorridente Licia Colò; Donnavventura; Pechino Express, condotto da Emanuele Filiberto di Savaoia. Eppure era appena il 1959 quando Rossellini, un avanguardista per certi versi, diresse L’India vista da Rossellini.

Giuseppe De Lauri

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.