Imbratta le pareti del sottopasso, minore incastrato dalle videocamere

JESI – Minorenne sorpreso ad imbrattare il sottopassaggio della stazione di Jesi: ad incastrarlo le immagini del circuito di videosorveglianza, ispezionate dalla Polizia locale durante i controlli della Fiera di San Settimio. Il ragazzo, uno jesino di 15 anni, stava trascorrendo il pomeriggio insieme alla fidanzatina quando, desideroso di esprimerle tutto il suo amore, ha deciso di imbrattare di dediche gli ancora candidi muri del sottopassaggio ferroviario, probabilmente pensando che fosse un gesto romantico.

A raccontare il fatto è il comandante della Polizia locale Liliana Rovaldi, nell’ottica non solo di evidenziare l’utilità del circuito di videosorveglianza ma anche di mettere in luce il percorso educativo cui è stato sottoposto il minorenne in questione: «Nel caso di questo ragazzo, in collaborazione con l’Assessorato alle politiche educative, presieduto da Marisa Campanelli, abbiamo deciso di non attuare nei suoi confronti misure drastiche, presentando una relazione asettica all’autorità competente, ma di accertate le problematicità del minore e di avviarlo ad un percorso educativo – ha spiegato la Comandante – Questo non significa sminuire il reato, che è penale, ma comprendere prima le problematiche di chi lo ha commesso, discuterne con degli esperti e infine con i genitori. Il ragazzo pagherà il danno e seguirà un iter educativo che coinvolgerà insieme alla sua famiglia le strutture comunali e statali, sperando che dia i suoi frutti».

Le famiglie hanno diritto a sapere e devono dunque essere in questi casi coinvolte. Lo afferma anche l’assessore alle Politiche giovanili Marisa Campanelli: «L’Amministrazione, in questo secondo mandato, ha previsto l’adozione di misure di sostegno per i giovani e per i genitori, soprattutto per quanto concerne l’educazione al rispetto – spiega l’assessora – Ciò che faremo è agire con delle iniziative nelle scuole e nei CAG, i centri di aggregazione giovanile, frequentato anche da ragazzi con problematicità. Ad iniziare dall’adesione al progetto “La Terra di Mezzo” che, in collaborazione con l’Ente Nazionale di previdenza ed Assistenza degli Psicologi, offrirà assistenza contro il disagio giovanile»

La comandante Rovaldi ha aperto poi una parentesi sull’utilizzo del circuito di videosorveglianza: «Non abbiamo personale per monitorare le immagini h24 ma, dietro segnalazione, le videocamere sono utili per indagare su fatti criminosi. E’ il caso di un cittadino che, subiti ingenti danni all’automobile lasciata in sosta nel parcheggio della stazione, si è rivolto alla Polizia locale per individuare il responsabile. Visionando i filmati, è stato possibile rintracciare il numero di targa del colpevole, successivamente identificato e “invitato” ad assumersi le sue responsabilità. I filmati sono utili anche alle forze dell’ordine: nel recente caso di Mariya, le immagini riprese dalle videocamere della stazione sono state, su richiesta dei carabinieri, passate al setaccio per verificare se la ragazza avesse preso il treno per allontanarsi».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*