Imbrattano le mura della Questura, due giovani denunciati

ANCONA –  La Polizia di Stato, dopo 15 giorni di attività investigativa, ha individuato e deferito alla Procura della Repubblica di Ancona i due writers che, nella notte tra il 25 e il 26 Aprile si sono resi responsabili di aver imbrattato le mura della Questura di Ancona e le autovetture in sosta nel parcheggio antistante. Gli imbrattamenti con scritte del medesimo tenore e grafia, avevano riguardato anche le mura del “Mercato Delle Erbe” di C.so Mazzini e alcuni negozi limitrofi dei quali erano state verniciate le vetrine con vernice rossa e nera.
L’’ attività investigativa della Squadra Mobile e della Digos, consistita anche in un’accurata analisi dei filmati estrapolati dal sistema di sorveglianza, ha permesso di individuare i due giovani che, verso la mezzanotte del 25 aprile, venivano immortalati mentre imbrattavano auto e mura posti nelle vicinanze dell’’ingresso carraio della Questura di Ancona. Stesso fenomeno, stessa sera era stato segnalato anche nella Capitale dove venivano imbrattate alcune macchine della Polizia. L’’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona, culminava con le perquisizioni eseguite nelle prime ore della mattinata odierna a casa dei 2 giovani poco più che ventenni (Il ragazzo abita a Macerata e la ragazza ad Ancona), nel corso delle quali veniva rinvenuto e sequestrato materiale idoneo a comprovare le responsabilità addebitate dagli inquirenti.
I due dovranno rispondere del reato di imbrattamento e deturpazione di cose esposte alla fede pubblica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*