Imbrogli per superare l'esame della patente, denunciati | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Imbrogli per superare l’esame della patente, denunciati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nel corso dei servizi finalizzati ad arginare il fenomeno del conseguimento di patenti di guida mediante utilizzo fraudolento di sistemi audiovisivi, programmati con regolarita’ dalla squadra di polizia giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale “Marche” ed attuati in accordo e stretta sinergia con la locale sede della Motorizzazione Civile, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Ancona C.P., di anni 21, e C.L., di anni 19. I due giovani, originari della provincia di Foggia, si erano appositamente iscritti ad Ancona per sostenere l’esame nella speranza di non essere sorpresi.

I predetti, nel corso della sessione d’esame per il conseguimento della patente di guida di categoria “b” tenutasi ieri 08 c.m., venivano colti mentre stavano utilizzando apparecchiature elettroniche (telefoni cellulari, microauricolari, apparecchiature bluetooth) abilmente occultate sotto gli indumenti.

Nelle felpe indossate dai giovani erano stati artatamente prodotti dei fori, al fine di permettere all’ottica della fotocamera di uno dei telefoni cellulari utilizzati, opportunamente incollata nella parte interna della felpa, di riprendere i quiz proposti nel corso dell’esame.

Le immagini venivano trasmesse su un cloud a cui era collegato il complice che, dopo aver visualizzato la domanda, forniva le relative risposte esatte cosi’ da consentire il superamento dell’esame. Il suggerimento veniva veicolato attraverso un piccolissimo auricolare, munito di sistema di ricezione con tecnologia bluetooth, precedentemente inserito nel canale uditivo del candidato.

L’apparato auricolare risultava di dimensioni cosi’ ridotte che gli agenti, per estrarlo, dovevano ricorrere all’ausilio di personale medico specialistico presso l’ospedale regionale “Torrette” di Ancona.

Sempre abilmente occultato sotto i vestiti veniva rinvenuto anche l’apparato bluetooth grazie al quale le risposte, che giungevano sull’altro telefono che il ragazzo teneva nella tasca dei pantaloni, venivano riprodotte sull’auricolare.

Nel corso dell’ultimo anno, i vari servizi effettuati da personale del Compartimento Polstrada “Marche” hanno permesso di arginare tale fenomeno delinquenziale molto diffuso, consentendo di deferire all’a.g. oltre 60 persone.

Va sottolineato che tale comportamento illecito, come rilevato in precidenti attività di indagine, è causa di incidenti stradali gravi, provocati da quei soggetti che disconoscono le regole basilari dettate dal codice della strada.

La collaborazione tra Polizia Stradale e Motorizzazione Civile, uffici da sempre sensibili a tutto ciò che riguarda la sicurezza della circolazione  dei veicoli, ha consentito, ancora una volta, di reprimere condotte che mettono in serio pericolo l’incolumita’dei cittadini e degli utenti della strada.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.