Username: Immergiti nella cultura ed entra a farne parte | Password Magazine
Festival Pergolesi

Immergiti nella cultura ed entra a farne parte

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

USERNAME/a cura di Matteo Baleani

Alla Pinacoteca di Jesi torna un evento che coinvolge l’arte e i nuovi social network, uniti per promuovere e valorizzare le ricchezze della città attraverso il coinvolgimento dei cittadini. Io stesso collaboro alla realizzazione del tutto, dopo averlo già fatto lo scorso anno durante l’iniziativa analoga Selfie al Museo. Si chiama Museo Smart!. L’obiettivo? Puntare gli smartphone in direzione delle opere della Pinacoteca Civica di Palazzo Pianetti, scattare una foto/vignetta o registrare un piccolo video di massimo 15 secondi dedicato possibilmente alla bellezza delle opere, ma ogni fantasia è ben accetta con riprese singole o di gruppo. All’entrata della Pinacoteca sarà consegnato un elenco delle opere più scenografiche consigliate dallo Staff: il visitatore potrà sceglierne una tra quelle suggerite oppure un’altra non menzionata che diventerà lo sfondo per le riprese. Ciascun video potrà essere inviato come messaggio alla pagina facebook “Assessorato Cultura Comune Jesi” o tramite mail all’indirizzo baleani.matteo@gmail.com. Per le foto vale la stessa cosa ma potranno anche essere condivise su Twitter o Instagram con l’hashtag #museosmartjesi. Dal materiale raccolto, sarà poi composto un video promozionale della Pinacoteca.

Con lo slogan  Immergiti nella cultura ed entra a farne parte  il 26 agosto dalle 21.00 alle 23:30 si potrà diventare, visitando gratuitamente uno dei luoghi più belli delle Marche (prezzo ridotto a 3€, quella sera, per chi non partecipa), promotore in prima persona di questo splendido tesoro custodito nel centro storico jesino. Un sistema nuovo per portare sempre più persone, soprattutto giovani, all’interno di luoghi bellissimi e ricchi di arte come la Pinacoteca di Palazzo Pianetti.

Iniziative simili stanno prendendo sempre più piede da quando, lo scorso anno, il “Decreto Cultura” proposto dal Ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini,  ha liberalizzato le foto nei distretti museali.

Tale scelta è stata approvata con molto entusiasmo da parte di alcuni addetti ai lavori mentre altri non hanno nascosto aspre critiche. Personalmente, quando si concede libertà, nel rispetto degli altri, sono sempre favorevole e l’episodio in cui sono stato coinvolto lo scorso anno, il Selfie al Museo, non ha fatto che confermare la mia idea vista la partecipazione di numerosi visitatori, ben più di un normale giorni di apertura, per la maggior parte atipico, e grazie alla diffusione, quindi promozione, del luogo e di arte tramite gli sconfinati spazi dei social network.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.