Impianto rifiuti organici Coppetella, il M5S Jesi chiede delucidazioni | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Impianto rifiuti organici Coppetella, il M5S Jesi chiede delucidazioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – Un nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti organici nell’area dell’Interporto: è quanto propone l’ATA Rifiuti per il trattamento della FORSU (Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani), indicando appunto la Coppetella quale sito, a loro dire, ottimale.

Per avere delucidazioni in merito e per pretendere innanzitutto trasparenza sulle scelte che l’Amministrazione e l’ATA intendono fare, il Movimento 5 Stelle Jesi, rappresentato in Consiglio Comunale da Claudia Lancioni, ha formalizzato un’interpellanza (v. qui) e una mozione (v. qui) da discutere in occasione della prossima seduta consiliare.

Nell’interpellanza si chiede, in particolare, sulla base di quale mandato il sindaco Bacci ha dato la disponibilità a valutare l’ubicazione dell’impianto in questione sul territorio di Jesi, che tipo di impianto verrebbe insediato, con quali tecnologie e per quali rifiuti, quante e quali emissioni sulle matrici ambientali saranno previste, se esiste un business plan e a che punto sono le bonifiche in zona. Il M5S vuole inoltre sapere come può essere considerato sostenibile e compatibile tale progetto, da installare a ridosso della futura centrale operativa del 118, di una sede strategica della Protezione Civile ed  in un territorio già fortemente compromesso dal punto di vista ambientale.

Nella mozione -da mettere al voto dell’Aula, a differenza dell’interpellanza- si impegna invece l’Amministrazione a creare una pagina web del sito del Comune interamente dedicata alla questione, nella quale riportare progetti e documentazione tecnica e consentire così almeno un minimo di trasparenza, oltre ad indire al più presto un Consiglio Comunale aperto sull’argomento, al quale invitare i referenti dell’ATA, della Provincia, della Multiservizi, i sindaci dei comuni limitrofi, con la possibilità di partecipazione ed intervento di cittadini ed associazioni interessate.

 «Come al solito è mancato il coinvolgimento della città – tuona Claudia Lancioni, consigliera comunale del M5S Jesi -. Abbiamo appreso la notizia dalla stampa, a parte un vago accenno del sindaco qualche settimana fa. Non capiamo come l’ATA possa essersi presa la libertà di valutare l’installazione di un impianto del genere all’interno del territorio di Jesi. Mi auguro che, come accaduto con la Sadam, non ci chiedano una disponibilità ad accettare un impianto a scatola chiusa, senza far conoscere un progetto e senza sapere alcun dettaglio. Non vogliamo l’ennesima cambiale in bianco da firmare!Siamo fortemente preoccupati e ci opporremo in tutti i modi ad ogni ulteriore carico insostenibile su di un’area che, al contrario, dovrebbe essere risanata».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.