Imposta di soggiorno, 15 mila euro di introiti per il Comune nel primo trimestre

JESI – Ammontano a 15 mila euro gli introiti per le casse del Comune derivati dai primi tre mesi di imposta di soggiorno.

Lunedì scorso la scadenza per il versamento degli importi riscossi nel trimestre aprile-maggio-giugno da parte delle strutture ricettive della città, una cinquantina in tutto.

Entrata in vigore il 1 aprile, la tassa aveva fatto discutere, tantoché anche le associazioni di categoria avevano espresso preoccupazione in merito all’introduzione.

La tassa ricade su turisti e non residenti e il gettito che ne trae il Comune sarà destinato ad iniziative favore del turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni ambientali e culturali, nonché a servizi pubblici locali.

L’imposta è di 2 euro al giorno a persona nelle strutture ricettive alberghiere a 4 Stelle e di categoria superiore; 1,50 in quelle da 3 a 1 stella; 1 euro nelle altre tipologie di strutture (case e appartamenti per vacanze, affittacamere, B&B, agriturismi, ostelli, camping e bivacchi fissi, case religiose di ospitalità).

I 15 mila euro del primo trimestre rappresentano «un risultato in linea se non leggermente superiore alle previsioni» spiegano dal Comune.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*