Imposta di soggiorno, preoccupazione dalle associazioni di categoria | | Password Magazine

Imposta di soggiorno, preoccupazione dalle associazioni di categoria

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Confartigianato esprime preoccupazione per l’introduzione dell’imposta di soggiorno nel Comune di Jesi per le potenziali ricadute negative che questa comporterebbe alle imprese del settore ricettivo del territorio.

«Partiamo da una considerazione basilare: Jesi non è una città turistica – dichiara il responsabile dell’ufficio jesino della Confartigianato Giuseppe Carancini – per quanto stia crescendo molto in tal senso grazie alla valorizzazione della sua importante offerta culturale e artistica promossa anche dalla Amministrazione Comunale».

«Attualmente, è ancora prevalente nella nostra città il movimento rappresentato da presenze per ragioni economiche e di affari. Jesi non è pertanto assimilabile ad altri territori a forte vocazione turistica e i viaggiatori in transito per la Vallesina potrebbero preferire il pernottamento in altri centri del territorio, pur di non essere gravati dal balzello».

Secondo Confartigianato un contesto in cui le nostre aziende sono le più tassate d’Europa e dove sopportano il più alto costo del lavoro, l’aggiunta di ogni altro gravame rischia di penalizzare la loro già precaria competitività: «Per quanto potremmo condividere le dichiarazioni di intento dell’Amministrazione di utilizzare queste prossime risorse per gettare le fondamenta di una politica coordinata di sviluppo turistico per l’intera area della Vallesina, le nostre perplessità tuttavia rimangono – conclude Giuseppe Carancini della Confartigianato – Avremmo preferito che fosse rivista l’attuale scelta di intera gratuità del Parcheggio Mercantini  introducendo un minimo ticket per l’utilizzo dello stesso, una piccola spesa “spalmata” su tante utenze, piuttosto che rischiare – con l’imposta di soggiorno – di penalizzare quelle imprese che operano nell’accoglienza e che si stanno adoperando per far crescere questo settore nella nostra città».

Perplessità anche da CNA Jesi: «Pur ritenendo che l’imposta di soggiorno sia un ulteriore appesantimento per imprese e cittadini – fa sapere il segretario Andrea Riccardi – Abbiamo avanzato al Sindaco Massimo Bacci alcune richieste e proposte per migliorare l’accoglienza turistica della città».
Tra le richieste avanzate al Comune c’è quella di estendere l’esenzione al pagamento dell’imposta a tutti i giovani con meno di 25 anni, italiani e stranieri, in modo da incentivare un turismo giovane e, magari, consentire loro, come succede in molte città europee, di entrare gratuitamente nel circuito museale cittadino.
La Cna chiede di estendere l’esenzione dell’imposta anche ai lavoratori che, come gli agenti e rappresentanti, devono soggiornare in città per lavoro.

Oltre agli esoneri, il segretario della Cna di Jesi e il suo presidente, chiedono che la burocrazia sia alleggerita e semplificata, prendendo come spunto i modelli adottati dai comuni più virtuosi.

Infine, la Cna ha chiesto al Sindaco di investire i ricavi di questa imposta in maniera strutturale, in modo da favorire l’accoglienza turistica.

Tra le richieste: un sito internet con percorsi condivisi con agli altri comuni dell’entroterra e dell’area montana; informazioni in lingua; coinvolgimento dei comuni gemellati attraverso convenzioni e promozioni reciproche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.