Imprese, a Jesi torna il segno più: 2.113 buone ragioni per sostenere la Vallesina | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Imprese, a Jesi torna il segno più: 2.113 buone ragioni per sostenere la Vallesina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Non accadeva da tempo. Il saldo tra chiusure e aperture di aziende artigiane nel Comune di Jesi torna in positivo seppure con  una variazione minima ( +1) data dall’apertura di 19 attività a fronte di 18 chiusure. Il numero di aziende registrate cresce passando dalle 967 del primo trimestre 2015 alle attuali 978: la parte preponderante è rappresentata  dalle costruzioni ( 315), dai servizi alle persone (307 imprese), manifatturiero ( 195) e servizi alle imprese ( 157).

In  Vallesina, secondo le elaborazioni dell’Ufficio Studi di Confartigianato su dati Unioncamere – Infocamere nel primo trimestre di quest’anno  sono nate 41 aziende e 52  hanno chiuso ( -11). Da tenere in considerazione che nello stesso periodo dello scorso anno il saldo era a – 24. Sono dati che non dimostrano ancora una effettiva inversione di tendenza.

“Da tempo l’artigianato del nostro territorio ( le aziende artigiane registrate in Vallesina sono 2.113) –  dice Giuseppe Carancini segretario della Confartigianato di Jesi –  è in attesa di una ripresa, o forse bisognerebbe parlare di una ripartenza dell’economia. Il quadro complessivo si conferma di difficoltà ( a soffrire di più in Vallesina secondo i dati del primo trimestre sono i servizi alle persone e le costruzioni),  tuttavia si manifestano timidi segnali positivi che vanno consolidati”.

“La crisi ha causato molti cambiamenti nella struttura economica , ma ha anche mostrato ancor di più la forza del suo tessuto produttivo, formato dagli artigiani e  dalle micro e piccole imprese che hanno dato e continuano a dare al nostro territorio gli elementi  necessari per reagire.

Non sono più rinviabili politiche economiche e di sviluppo finalizzate a rafforzare il sistema delle imprese e la microimprenditorialità diffusa, garantendo ed assicurando, innanzi tutto, un accesso al credito e a costi contenuti – dichiara il Segretario della Confartigianato di Jesi – occorrono condivisioni forti con il sistema bancario che  deve continuare a svolgere il proprio ruolo a sostegno e finanziamento delle imprese.

Alle nostre  imprese serve liquidità per ripartire, senza accesso al credito non c’è modo di metter mano a investimenti e innovazioni e questi due fattori sono fondamentali perché il sistema produttivo locale torni a funzionare e garantire sviluppo. La liquidità è ossigeno indispensabile alla vita delle aziende  e in questa fase in cui occorre sostenere al meglio e con quanta più forza e impegno possibile la ripresa delle imprese non è sostenibile una strozzatura creditizia, sono al contrario essenziali qualità e quantità dei finanziamenti”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.