In arrivo nuovo Dpcm, le regole fino a Pasqua | Password Magazine

In arrivo nuovo Dpcm, le regole fino a Pasqua

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ROMA – Scatterà il 6 marzo il nuovo Dpcm, con restrizioni che resteranno in vigore anche per le festività di Pasqua, come già era avvenuto lo scorso anno. Sono anche previste riaperture, seppure non da subito: dal 27 marzo potranno riaprire – nel rispetto di specifici protocolli – cinema e teatri mentre sarà possibile andare al museo anche nei week end.

Secondo ANSA, queste le misure che dovrebbero essere contenute nel Dpcm in arrivo: chiusi barberi e parrucchieri in fascia rossa; in casa si possono ricevere le visite di non conviventi  (in zona gialla) ma sono vietate feste «nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose»; permessa in zona gialla in ambito regionale la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22; riapertura cinema e teatri dal 27 marzo e musei anche nel week end se in zona gialla, a condizione che sia comunque assicurato il distanziamento interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, spiega la bozza del Dpcm; il divieto di spostamento tra Regioni valido fino al 27 marzo potrebbe essere nuovamente prorogato con un decreto; vietati viaggi per turismo; negozi chiusi solo in zona rossa mentre in zona gialla e arancione tutti i negozi sono aperti; palestre e piscine ancora chiuse, con divieto di sport di contatto e di squadra; ancora nessuna apertura di bar e ristoranti a cena, le regole per i ristoranti restano quelle in vigore; se in zona rossa tutte le scuole dovrebbero essere chiuse mentre resta in presenza per tutte le altre situazione, come già stabilito dai provvedimenti in vigore, con possibilità per i governatori di applicare misure più restrittive se necessario.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.