In canotta e shorts sui social, offese per la candidata Kristel Ulissi (Libera Azione Jesi) | | Password Magazine

In canotta e shorts sui social, offese per la candidata Kristel Ulissi (Libera Azione Jesi)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Anche noi abbiamo le nostre magliette. E secondo me addosso ce sta meglio”: con queste parole, il candidato sindaco Massimiliano Lucaboni pubblica sui social la foto di Kristel “Kris Ulissi (in foto), candidata con Libera Azione Jesi, dove indossa una canotta con il logo della lista che rappresenta.

Poco prima, sempre sulla bacheca social del candidato, era apparsa un’altra foto della Ulissi con la canotta leggermente sollevata, quasi a mostrare l’ombelico, in pantaloncini corti, mentre solleva la bandiera di Forza Italia.

Su questa immagine si innesca la polemica: “Due chi***e di c**** e due belle t**** basteranno per diventare sindaco?”: è il commento di un utente, il primo di una serie di offese nei confronti della ragazza.

“Quello che è accaduto ieri sui social nei confronti di una nostra candidata in consiglio comunale ha dell’incredibile –  fa sapere tramite nota stampa Massimiliano Lucaboni – Se ancora oggi una ragazza non può indossare un paio di pantaloncini corti ed una t- shirt senza essere additata con epiteti offensivi, dimostra ancora una volta quanta sia la strada da fare verso la vera emancipazione, ma non della donna ma del cervello dell’uomo.

Il sottoscritto è tutta la nostra lista sono vicini alla candidata Kristel, detta Kris, per i vili e vergognosi commenti di cui è stata vittima.

Lunedì valuteremo insieme a lei se ricorrere alle vie legali per tutelare sia la sua che la nostra immagine”.

E aggiunge: “Tanta ignoranza merita solo una risposta ferma. Qualche giorno fa ho partecipato all’incontro con l’UDI, unione donne italiane e abbiamo parlato anche di queste situazioni.

Spero che tutte le istituzioni, le donne di buon senso, gli uomini si uniscano a noi nel condannare tanta cattiveria, stupidità di uomini piccoli piccoli che non meritano neanche di essere citati”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.