In centinaia per l’ultimo saluto a Gloria Benigni, la giovane mamma di Pantiere

PANTIERE DI CASTELBELLINO – Centinaia di persone questo pomeriggio a Pantiere per dare l’ultimo saluto a Gloria Benigni, la 35enne mamma di due bimbe morta in ospedale mercoledì scorso per un malore che l’aveva colta in casa la sera prima.

Una folla raccolta intorno la Chiesa Nostra Signora di Lourdes della piccola frazione di Castelbellino ha accolto l’arrivo del feretro per la celebrazione dei funerali.

Tutta la comunità si è stretta nel dolore intorno alla famiglia: alle due figlie, di soli 7 e 12 anni, al compagno, alla mamma e ai parenti. C’erano anche gli amici e i colleghi dell’ospedale di Torrette dove lavorava. Ma anche chi semplicemente la conosceva di vista o chi non la conosceva affatto. Perchè una perdita così è un dolore per tutta la comunità. Perché bisogna esserci oggi per chi dovrà convivere con la sofferenza anche domani.

Durante la Messa, officiata da Don Paolo Ravasi, toccanti le parole delle amiche in sua memoria: una, in particolare, ha ricordato alcuni momenti legati all’infanzia, parlando di una Gloria che riusciva sempre a riunire e a far ritrovare tutti gli amici, anche quando la vita li portava su strade diverse. E anche stavolta, in un momento di profonda tristezza, era riuscita per l’ultima volta a riportarli tutti insieme da lei.

All’uscita della Chiesa, tante bolle di sapone sono volate in aria dietro il passaggio del feretro. Poi il corteo della Banda musicale di Pianello Vallesina, diretta dal cugino di Gloria, M° Manolito Rango, con al seguito il nipote Simone, ha scortato il carro fino alla casa dove la giovane mamma viveva. Un ultimo omaggio a lei che tanto amava la musica.

Il ricordo di Gloria è ancorato a quel sorriso, a quella serenità con cui era solita affrontare la vita, nonostante più volte l’avesse messa alla prova: da sempre, infatti, soffriva di una patologia ereditaria che la costringeva a sottoporsi a cure costanti e a visite specialistiche. Una malattia con cui aveva imparato a convivere.

Sono pochi 35 anni. Troppo. Eppure lei in così poco tempo aveva dimostrato di essere una che lottava. Determinata, non si era mai arresa e, nonostante tutto, voleva apprezzare la vita, cogliendone le piccole sfumature e le grandi gioie, circondata dall’affetto della sua famiglia. Ora Gloria non c’è più ma il suo caldo sorriso continuerà a riscaldare i cuori di chi le voleva bene.
E il suo modo di affrontare la vita sarà da esempio per i famigliari e in particolare per le sue bambine, che ora dovranno crescere senza la mamma. Possano trovare nel ricordo di lei la forza e il coraggio di affrontare i momenti più difficili. Gloria ora è un angelo che continuerà a vegliare e a sorridere con amore da lassù…

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*