In Islanda, due jesini curatori dell' Exploration Museum | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

In Islanda, due jesini curatori dell' Exploration Museum

JESI – Sono partiti circa un anno fa da Jesi alla volta di Húsavík, una cittadina di poco più di 2 mila abitanti nel nord-est dell’Islanda. Ad attirarli nel Nord dell’Europa il desiderio di vivere la quotidianità in un posto quasi magico, rilassante, a dir poco scenografico. Giuditta Gubbi e Francesco Perini, entrambi di 28 anni, jesini, lei una laurea in Filologia moderna, lui in Scienze del Turismo, da gennaio sono i giovani curatori dell’Exploration Museum di Húsavík. Qui si occupano di sviluppare e migliorare l’esposizione già esistente ed integrare l’offerta con eventi e mostre temporanee: “Un lavoro coinvolgente e creativo – raccontano i due giovani – Volevamo realizzare qualcosa di concreto, che lasciasse il segno: insieme al direttore del museo, è nata così l’idea di realizzare un Festival previsto per fine settembre 2016 e da ripetere poi ogni anno. Premiazioni ma anche workshops, concerti, rassegna di film, conferenze e dibattiti, mostre temporanee, il tutto incentrato, ovviamente, sul tema dell’esplorazione”.

Un’idea che nasce sulla scia degli “Exploration Awards” di Húsavík, i riconoscimenti assegnati dal Comitato scientifico del Museo di cui anche Francesco e Giuditta fanno parte, insieme ad altri nomi illustri del settore. Tre i premi in palio, suddivisi per categoria: le assegnazioni sono per gli importanti risultati nel campo dell’esplorazione; per un esploratore sotto i 25 anni; per una persona o un’organizzazione che abbia lavorato per promuovere e preservare certi aspetti della storia dell’esplorazione.

“Ogni anno sceglieremo una persona per ognuna delle tre categorie e il Festival del 2016  sarà l’occasione per consegnare personalmente tali premi – ci spiegano i due jesini – Quest’anno, i premi sono stati assegnati a: Harrison Schmitt, astronauta e scienziato della Missione Apollo 17,ultima missione della NASA ad essere atterrata sulla Luna; Jessica Watson, velista australiana, la più giovane al mondo ad aver completato la circumnavigazione del globo in solitaria; Huw Lewis-Jones, storico britannico, esperto soprattutto di storia dell’esplorazione artica ed antartica”.

Harrison Schmitt è stato invitato dall’Exploration Museum lo scorso luglio, in occasione della celebrazione del cinquantesimo anniversario del training degli astronauti delle Missioni Apollo in Islanda, evento a cui hanno partecipato media nazionali islandesi e anche il Touring Club Italiano. Schmitt ha ricevuto il premio all’università di Reykjavik, in seguito ad una conferenza da lui tenuta ed il premio è stato consegnato nelle sue mani dal Presidente dell’Islanda. I premi a Jessica Watson e Huw Lewis-Jones saranno consegnati invece “a distanza” e presentati in conferenza stampa.

Franscesco e Giuditta stanno attualmente lavorando per poter consegnare, a partire dal prossimo anno,  tutti e tre i premi a Husavik, proprio grazie a questo Festival. Ieri si è svolta proprio la conferenza stampa di presentazione degli Awards e del progetto del Festival.

“In un luogo inusuale come Húsavík, diverso dalle destinazioni di massa degli italiani come Londra o altre capitali europee, ci sono possibilità maggiori di essere avvicinati e apprezzati perché capaci di contribuire, soprattutto nel lavoro, con qualcosa di nuovo, di diverso, che piace  – concludono i due giovani – Non credo che la nostra avventura termini qui in Islanda, sicuramente ci sposteremo di nuovo, tra qualche anno, se non ci saranno più progetti nuovi da portare avanti. Restare bloccati non fa per noi e niente ci impedisce di guardare oltre”. Parole, queste, di veri esploratori.

 

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.