Matt Cancelleria
Vai al Sito

Lo sport abbraccia la solidarietà con “Alleniamoci a crescere insieme”

JESI – Progetto sport solidale “Alleniamoci a crescere insieme” per promuovere lo sport come mezzo di sostegno e di crescita per i ragazzi

Il progetto nasce dalla sinergia tra il Comune di Jesi, l’Asp Ambito 9, la consulta dello sport e diverse associazioni sportive del territorio (ASD/SSD) per far avvicinare le famiglie in difficoltà sociale ed economica allo sport, ai suoi valori e all’attività sportiva in sé, vista come un bagaglio fondamentale per la formazione di una personalità: la possibilità di accedere al mondo dello sport vuole essere estesa alla più ampia fascia di cittadinanza possibile, a partire dall’età infantile e giovanile, età alla quale il progetto “Sport Solidale” si rivolge. “Lo sport che abbraccia la solidarietà – commenta l’assessore ai servizi sociali Maria Luisa Quaglieri – è stata la base per la realizzazione di questo progetto. Ed è un orgoglio per noi poterlo presentare e dire che sta funzionando nel territorio grazie alla bellissima intesa nata tra gli enti protagonisti”.

I destinatari del progetto sono bambini/e e ragazzi/e, italiani o stranieri, di età compresa tra i 5 e i 18 anni, appartenenti a famiglie seguite dal Servizio Sociale Professionale dell’ASP Ambito 9, residenti o domiciliati nel Comune di Jesi, per i quali la condizione di disagio socio-economico della famiglia è un impedimento alla pratica dell’attività sportiva, necessaria invece per il buon esito del progetto di sostegno ed inclusione elaborato dai servizi sociali di riferimento. Già sono arrivate agli uffici dell’Asp 42 richieste per gli attuali 50 posti messi a disposizione dalle associazioni sportive, “ciò che vogliamo fare è dare al progetto una organizzazione che duri nel tempo in grado di accogliere una concreta esigenza del territorio – commenta il direttore dell’Asp Ambito 9 Franco Pesaresi – siamo partiti da Jesi e sicurante ritrasferiremo questa esperienza negli altri comuni dell’Asp”.

Le associazioni sportive aderenti si faranno carico della quota annuale di iscrizione e di tutta la relativa attrezzatura: “L’Asp e la Consulta dello sport hanno formato un’unità valutativa multidimensionale composto dagli assistenti sociali referenti del progetto e della presa in carico del minore o dell’intero nucleo familiare – commenta l’assessore allo sport Ugo Coltorti – per valutare le richieste e indirizzare il minore verso una scelta in linea con la propria personalità per far sì che quella persona entri nel mondo dello sport più consono per lui”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*