Astralmusic

In piazza la raccolta firme «Villa Borgognoni, un ostello per la città»

Astralmusic

JESI – Campeggia oggi, in un angolo di Piazza della Repubblica di Jesi, il banchetto per firmare la “Proposta di atto per Villa Borgognoni Ostello”, promossa da “Ostello delle idee” insieme alle altre 17 associazioni che svolgevano le proprie attività all’interno dell’edificio ottocentesco di via Gramsci.

Entro il 30 settembre, infatti, Ostello delle idee e le associazioni che finora hanno collaborato insieme alla valorizzazione del “bene comune”, come è stato definito, dovranno abbandonare la villa per far posto all’ASP-Ambito IX,  che necessita quanto prima di locali, quanto più possibile vicini all’attuale sede di via Gramsci, per trasferire temporaneamente uffici e attività (circa 21 postazioni) durante i lavori di ristrutturazione che permetteranno di risolvere problemi atavici al tetto e ascensori.

«Dopo dieci anni di chiusura dell’Ostello, a causa della recessione del contratto con il Comune da parte della cooperativa che lo aveva in gestione, ci siamo occupati noi della struttura, curandone sia gli aspetti culturali sia gli spazi, tra cui anche il parco – ci racconta dal banchetto Giancarla Gianfelici di Ostello delle Idee – Inizialmente sembrava piuttosto un’azione di presidio per mantenerlo al meglio, poi però abbiamo trasformato questo impegno in un impegno per la città, per farlo vivere come bene comune: per l’Ostello sono passate tante associazioni e tanti privati, che hanno potuto esprimere la loro identità tramite mostre, seminari, eventi, e così via… ».

Tra le iniziative organizzate alla Villa anche l’appuntamento estivo con Equa la Festa che, come recita un cartello esposto al banchetto, quest’anno “non ci sarà!”

«Adesso ci hanno comunicato che dal mese di settembre la struttura sarà riservata agli uffici dell’ASP (Azienda Servizi alla Persona): ci dicono che siamo insensibili al discorso di servizi alla persona, ma il punto è che noi vogliamo mantenere la funzione sociale dell’Ostello, renderlo un punto d’incontro per chiunque voglia. Se il problema di oggi è la disgregazione giovanile e la solitudine degli anziani, creare una rete di relazioni serve per mantenere una città sana e l’Ostello vuole essere un centro di aggregazione. C’è un lavoro di anni di sostenibilità turistica ammirabile: facendo un buon progetto turistico l’Ostello può diventare un punto di riferimento per la città».

Gli obiettivi di queste associazioni si coniugano quindi nella volontà di reinventare Villa Borgognoni come uno spazio pubblico, con progetti e attività, e oltretutto di offrire ospitalità a basso costo per giovani e famiglie:  «Un vero e proprio incubatore di progetti creativi, culturali e rivolti ad un turismo sostenibile»..

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*