«In Trincea» della poetessa Chechile nel volume «L'Arte al Tempo del Coronavirus» | Password Magazine

«In Trincea» della poetessa Chechile nel volume «L’Arte al Tempo del Coronavirus»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’opera “In trincea” dell’infermiera – poetessa jesina Maria Teresa Chechile è entrata a far parte del volume “L’Arte al Tempo del Coronavirus” edito da Skira e inserito all’interno di Rai Cultura.

Maria Teresa Chechile è un’infermiera del nostro ospedale cittadino ed è uno dei tantissimi operatori ospedalieri che ancora in questi giorni è in prima linea per combattere una guerra a nome di tutti noi, per la salvaguardia delle nostre vite rischiando la propria. E anche in questo clima di incertezze e difficoltà, la sua opera non si è fermata: «Nella ricorrenza del compleanno di mio padre, che purtroppo non c’è più – spiega la poetessa – l’ho voluto ricordare con un occhio al passato e uno ai nostri giorni d’isolamento forzato. Era solo il 18 marzo 2020 quando iniziava tutto e oggi quella data è diventata simbolo della giornata nazionale per le vittime del Covid». Ma per l’autrice questa data rappresenta anche il dialogo con il padre – proprio il 18 marzo ricorreva il suo compleanno – e grazie a questo dialogo, Maria Teresa Chechile fa luce sul presente.

l’arte al tempo del coronavirus volume

Il Volume «L’Arte al tempo del coronavirus» raccoglie, infatti, gli stati d’animo, le emozioni e le opinioni maturate durante la pandemia da Covid-19, a dimostrazione che l’arte non si è mai fermata. Le opere d’arte create in questo particolare periodo storico ci permettono di leggere il periodo di forzato isolamento, il cosiddetto “Lockdown”, come un periodo molto produttivo sul piano creativo.  Alla luce di questa indiscutibile testimonianza di vitalità artistica, è nata quindi l’esigenza di raccogliere in un unico volume la produzione dei più significativi artisti di fama mondiale da oriente a occidente.

Ecco di seguito un estratto dell’opera scritta dalla poetessa del nostro territorio che grazie alla sua sensibilità e forza è riuscita a dar eco alla sua voce e anzi, a farsi portavoce di un unico canto di cuori in affanno colmi di voglia di rinascita:

«Tra le razzie, di chi e chi come meglio poteva, raccogliere quel po’ che era concesso per sfuggire alla morte. Oggi come allora la scena è la stessa. Il muoversi delle masse in fretta, assaltare le diligenze dei treni e dei negozi e poi scendere in battaglia armarti di mascherine, guanti e disinfettanti per difendersi dal nemico. Ma questa volta il nemico è invisibile. Non ci abbracciamo per farci coraggio, stringendoci l’uno all’altra ma, sai, ci evitiamo per salvare la pelle. Non ci ritroviamo nei covi comuni ma ci guardiamo senza neanche parlare, come se il nemico al solo sentirci potesse farci male.
Ecco papà cosa c’è di nuovo sotto il sole: nulla di nuovo.
Ritorneremo a sventolare bandiere tricolori tra piazze e città, oggi vuote o tali, ed annunciare la guerra è finita!»

 L’opera è stata interpretata dall’attore e doppiatore Franco Piccini e il volume sarà presente con bookshop permanenti in alcuni dei musei più prestigiosi d’Italia e in luoghi artistici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.