Matt Cancelleria
Vai al Sito

Inaugurata ieri la nuova targa della scuola intitolata a Paolo Borsellino

JESI – Installata nel pomeriggio di ieri (4 dicembre) la nuova insegna dedicata a Borsellino: la scuola secondaria “Duca Amedeo di Savoia” da oggi si chiama “Paolo Borsellino” con il sottotitolo già “Duca Amedeo di Savoia”.

Presenti alla cerimonia rappresentanti della Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza; la dirigente Maria Rita Fiordelmondo; il fratello del magistrato Salvatore Borsellino e tanti studenti e insegnanti dell’Istituto. “È nella scuola che si fa la lotta alla mafia – spiega commosso Salvatore Borsellino – e quello a cui ho assistito oggi è stata una celebrazione bellissima, e non sono io che do a voi ragazzi, ma siete voi che mi date la forza di continuare a lottare per la verità e per la giustizia. Bisogna andare controcorrente, come diceva Paolo, perché nel nostro paese chiedere giustizia e verità è andare controcorrente. E lo fate con l’amore che vedo nei vostri occhi”, così Salvatore Borsellino ricorda suo fratello e ringrazia per ciò che la scuola porta avanti. La principale motivazione del cambio di nome risiede nella filosofia della scuola e dei suoi insegnanti, parlare ai ragazzi di legalità, di rispetto e di diversità e dunque di accoglienza. L’dea è partita da Francesco, uno studente di seconda, che scherzando un giorno propose l’idea e, pensiero dopo pensiero l’idea si è concretizzata. La scuola voleva mandare un messaggio forte e chiaro attraverso un segno evidente e riconoscibile per far capire che la scuola “Paolo Borsellino Ex Savoia” è in prima linea per la lotta alla mafia. La scelta è ricaduta su Paolo Borsellino perché volevano sottolineare il grande amore che il giudice aveva per i giovani e l’impegno che metteva nel combattere la mafia attraverso una sensibilizzazione al cambiamento rivolta ai più piccoli.

“Portare avanti valori di verità e giustizia e una educazione basata sui valori del rispetto e della giustizia – conclude la dirigente scolastica – è il nostro obiettivo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*