Inaugurata la “Casa Alleanza” della Caritas con nuovi posti letto

JESI – Inaugurata la “Casa Alleanza”, il Centro di seconda accoglienza sito nella sede Caritas di Via Papa Giovanni XXIII al civico 23, in occasione della Giornata Nazionale del Povero.

Presenti all’inaugurazione il Vescovo della Diocesi di Jesi Gerardo Rocconi, il direttore della Caritas Jesi Marco D’Aurizio; per l’amministrazione comunale il Sindaco Massimo Bacci, l’assessore ai servizi sociali Maria Luisa Quaglieri, il vicesindaco Luca Butini; in rappresentanza dell’Asp il presidente Sergio Mosconi e il direttore Franco Pesaresi. Il progetto nasce dalla voglia di fare rete da parte di tutte le istituzioni presenti: il filo conduttore che ha permesso la realizzazione di un altro centro di accoglienza è stata la necessità di stare al passo con la società che cambia sotto i nostri occhi. Per questo motivo il primo centro accoglienza non era più sufficiente, e la creazione di questa “casa alleanza” è la traduzione in fatti concreti dei principi della Caritas: aiutare stando al fianco della persona per favorirne l’autonomia, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell’uomo con prevalente funzione pedagogica. In questo senso, il centro di seconda accoglienza ha un tempo di permanenza più esteso, che va dai 6 mesi ad un anno, con l’obiettivo di promuovere la persona a 360° grazie all’acquisizione di nuove abilità e professionalità con la speranza di far loro raggiungere un’autonomia al livello socio-economico. Il centro ospiterà 6 persone di sesso maschile, sia italiane che straniere, che versano in gravi difficoltà sociali, economiche e abitative. La realizzazione di questa casa accoglienza è stata la realizzazione di un sogno nato dalla sinergia tra il Comune di Jesi, l’Asp Ambito 9 e la Caritas: coniugare quelli che sono i bisogni concreti del territorio con la realtà. “Questa è una rete che sostiene” è stato un po’ il motto di questa inaugurazione, di questa avventura che oggi ha preso il via e che sarà, da qui a breve, la prima vera casa per 6 persone. Inoltre, il concretizzarsi del sogno è stato reso possibile grazie al contributo del “Rotary Club Jesi” e al sostegno solidale del gruppo “Knit Cafè Jesi” composto da knitters jesine (letteralmente magliaie) che ha creato delle calde e variopinte coperte donate al centro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*