Inaugurata la Casa delle culture. Al via un corso di lingua italiana per donne immigrate | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Inaugurata la Casa delle culture. Al via un corso di lingua italiana per donne immigrate

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Nasce nel segno dell’inclusione e dell’integrazione, e di un’attenzione particolare che il Comune, che ne è promotore, ha voluto rivolgere alle donne, la Casa delle culture, inaugurata domenica 8 marzo a Moie, in un locale all’interno dell’ex scuola primaria di via Leopardi.

“La prima iniziativa che partirà su iniziativa dell’Amministrazione comunale – ha spiegato nella cerimonia per l’apertura dello sportello il

sindaco Umberto Domizioli – sarà un corso di lingua italiana per donne straniere. E in questo senso l’inaugurazione della struttura proprio l’8 marzo si carica di un valore in più, visto che l’integrazione è anche una questione di genere. Troppo spesso sono proprio le donne a subire di più le problematicità e le difficoltà legate al distacco e alla lontananza dal proprio paese di origine. Anche la lingua rappresenta un ostacolo, non certo marginale. Siamo convinti che un corso per apprendere l’italiano possa rappresentare un aiuto importante e invitiamo tutte le donne immigrate a parteciparvi”.

A fare da ponte fra la comunità straniera e quella locale sarà anzitutto il consigliere straniero aggiunto del comune di Maiolati Spontini Hossen Main, che gestirà lo sportello. Main ha ringraziato per l’opportunità l’Amministrazione comunale e l’assessore ai Servizi sociali Fabiana Piergigli. Alla cerimonia sono intervenuti anche il sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi Giulia Nisi, i consiglieri regionali Raffaele Bucciarelli e Enzo Giancarli, e la presidente della Casa delle Culture del comune di Jesi Mirella Argentati, la cui presenza è stata sottolineata dall’assessore Piergigli come “un primo passo per iniziare una proficua collaborazione tra due realtà vicine sia in termini geografici che di intenti”.

Per onorare la festa della donna si è deciso di “dare voce al mondo femminile, notoriamente più silenzioso”,

ha spiegato la Piergigli, con l’intervento di due immigrate, Anahita Dowlatabad e Blessing Oboigba, che hanno concluso la cerimonia  portando due toccanti testimonianze di donne e madri straniere.

L’assessore Piergigli ha ringraziato le autorità e il pubblico intervenuto “perché avete avvalorato – ha detto – il nostro progetto di intercultura, ancora poco più di un’idea ma importante, oggi, anche per contrastare il diffondersi di logiche di intolleranza ed arginare questo insensato allarme sociale che fa assumere alla nostra società una connotazione sempre più ostile, per non parlare di razzismo nei confronti delle persone che hanno colore della pelle, religione e culture diverse”.

L’assessore Piergigli ha ribadito come lo scopo dell’iniziativa sia “creare uno spazio di incontro interculturale utile per facilitare la partecipazione e l’inclusione sociale delle diverse culture appartenenti alla nostra comunità”. Oltre ai corsi di lingua italiana e della lingua di origine, il progetto prevede anche iniziative di supporto scolastico per i bambini, attività di formazione e promozione della intercultura, attività di conoscenza e di incontro delle culture delle diverse nazionalità presenti sul territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.