Inaugurata la mostra delle opere scultoree di Sergio Tapia Radic a Palazzo Bisaccioni | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Inaugurata la mostra delle opere scultoree di Sergio Tapia Radic a Palazzo Bisaccioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Inaugurata la mostra di Sergio Tapia Radic allestita nelle sale di Palazzo Bisaccioni, un’esposizione permanente di opere scultoree di tema religioso

La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi è da sempre attenta al settore dell’arte e della cultura impegnandosi attivamente nella conservazione e nella promozione del patrimonio artistico del territorio. Nel corso degli anni la storica sede di Palazzo Bisaccioni si è trasformata in un luogo di aggregazione culturale in cui è possibile fruire di una ampia offerta di attività espositive oltre che di conferenze e incontri formativi: “Proprio all’interno di questi spazi abbiamo voluto dedicare un’area espositiva ad una selezione di opere scultoree del Maestro Sergio Tapia Radic – commenta il segretario generale della Fondazione, Mauro Tarantino – che si inserisce nell’intenso programma di iniziative culturali e nuovi servizi per il territorio, ideato per festeggiare i 25 anni di attività”.La proposta di una sala espositiva dello scultore Sergio Tapia Radic nasce dalla collaborazione con il Comune di San Marcello: l’artista ha infatti donato tutte le sue opere al comune che diventeranno patrimonio di quella comunità e di quel territorio, possiamo definirlo un caso di mecenatismo del XXI secolo. Le opere che l’artista ha donato al Comune sono state censite, catalogate e allestite in una mostra partita lo scorso 16 dicembre con l’obiettivo di creare un centro della cultura dei popoli che possa raccogliere opere anche di altri artisti; in quest’ottica e grazie alla sinergia intrapresa tra i due comuni, parte del patrimonio è stato trasferito a palazzo Bisaccioni, “per noi è bello vedere le opere di questo affascinante artista esposte in uno dei più bei palazzi di Jesi”, commenta il sindaco di San Marcello, Pietro Rotoloni.

Per l’occasione è stato redatto un catalogo della mostra grazie a Renato Barchiesi e Gianni Rossetti, giornalista che ha curato il testo critico del catalogo, catalogo che può essere acquistato presso a Libreria “Incontri” di Jesi. La mostra arricchisce il patrimonio culturale di Jesi e quello della Fondazione Cassa Risparmio di Jes: “Questo nuovo percorso espositivo si potrebbe sintetizzare in Dio è amore – commenta il Presidente Alfio Bassotti – è una mostra di contenuto religioso di opere note a livello internazionale, fatto che conferma l’obiettivo primario della Fondazione, promuovere la cultura e l’arte”.

Di origine cilena e residente da molti anni nelle Marche, lo scultore Sergio Tapia Radic ha lasciato il segno della sua creatività e del suo modo di vedere le cose ovunque sia andato: “Una volta trovai la felicità in una lucciola – commenta lo scultore – e ne ricordo ancora oggi la sensazione che mi diede; cerco la bellezza nelle cose semplici e creo l’arte da oggetti semplici. Vi ringrazio per l’allestimento della mostra che vi offro con la mente, lo spirito e il cuore. Viva l’arte, viva la bellezza e viva l’armonia”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.