Inaugurata la panchina rossa contro la violenza di genere

JESI – Una panchina rossa, simbolo delle donne vittime di violenza, è stata inaugurata oggi 8 marzo in piazza Sansovino (gli Spiazzi), nel cuore del centro storico cittadino. Nel giorno delle celebrazioni della Festa della donna, il Comitato Abitanti Centro Storico di Jesi ha donato l’arredo alla città, per ricordare il posto occupato da una donna vittima di femminicidio e contro la violenza di genere. Presenti anche rappresentati della Casa delle Donne che hanno colto l’occasione per raccontare l’attività decennale dello Sportello Antiviolenza a Jesi, in rete con le strutture presenti sul territorio, adoperandosi per il rispetto dell’uomo e della donna considerando l’uguaglianza di genere e di parità. Sono 250 le donne accolte in questi dieci anni dalla struttura, 11 solo in questi primi mesi del 2018.

«Un luogo di incontro e di memoria che sia un punto di partenza per portare avanti dei progetti contro la violenza di genere e raggiingere nuovi traguardi» ha detto l’assessore all’associazionismo Paola Lenti.

La cerimonia è stata accompagnata da canti e letture a tema: toccante l’interpretazione di Anahita H. Dowlatabadi di una canzone iraniana eseguita per la prima volta da una donna iraniana salita sul palco senza Hijab: «Non è forse umano essere donna? Eh donne d’Iran di rivoluzione è giunta l’ora».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*