Inaugurata via Sandro Pertini: oggi il ricordo del Presidente più amato dagli italiani

JESIAlla vigilia del trentesimo anniversario dalla morte di Sandro Pertini, Jesi ricorda la memoria di uno tra i Presidenti più amati dagli italiani, intitolando a lui una via in Zona Zipa 2.

Una figura importante nella storia italiana, come nelle parole di Indro Montanelli: «Non é necessario essere socialisti per amare Sandro Pertini, qualunque cosa egli dica profumo di pulizia, libertà e fratellanza».

Proprio qui, il 30 Ottobre 1981, l’esponente del Partito Socialista italiano venne in visita in qualità di Presidente della Repubblica, carica che gli era stata assegnata nel 1978: la Zona Verde della Zipa era infatti l’esempio di progresso economico e sociale per la città. Naturale e unanime quindi la scelta di intitolare una via in suo nome proprio in questa zona.

La cerimonia d’inaugurazione della via, organizzata dal Circolo di Cultura Politica Sandro Pertini, e con il patrocinio del Comune di Jesi e della Fondazione Sandro Pertini di Firenze, è stata aperta dall’esibizione del Coro Federico II, che ha cantato l’inno di Mameli.

«È importante far conoscere il passato ai giovani per un futuro migliore»  apre così il discorso il Consigliere Enrico Brazzini, ricordandolo come un portavoce del migliore socialismo, di cui si deve tener memoria. Proprio per questo il Circolo di cultura politica nacque e fu intitolato a Pertini nel 1992, alla vigilia del terremoto di Tangentopoli: «Pertini fu un uomo dalle grande intuizioni politiche. Basti pensare che fu lui che, nel 1980, istituì ad Avellino quella che è l’attuale Protezione Civile».

«Uno statista vero, un esempio, che ha contribuito a rendere questo stato libero» lo ha ricordato così il Sindaco di Jesi Massimo Bacci, il quale è stato oltretutto omaggiato della tessera n.1 del Circolo di Cultura Politica.

Subito dopo aver tolto il drappo dalla segnaletica che porta ora il nome di Sandro Pertini, la sua figura politica è stata ricordata attraverso dei cenni storici, letti dalla poetessa jesina Maria Teresa Chechile: ne è emersa la figura di un uomo di salde ideologie di libertà e uguaglianza, un portavoce di speranza.

Un partigiano, che aveva come motto «Sii sempre in ogni circostanza un uomo libero, e pur di esserlo fai di tutto», e che ha vissuto sulla propria pelle queste parole, rimanendo per anni in esilio, e che ha portato avanti sempre la propaganda antifascista.Una figura carismatica e forte, che amava però definirsi ‘un italiano qualunque’.

«Appartiene a tutti gli italiani e alla storia d’Italia, guai se in questa cerimonia appare come uomo di parte. Egli é stato e sarà un esempio per tutte le nuove generazioni: emblema di coraggio: coraggio di scendere in armi contro il totalitarismo nazi-Fascista, coraggio di non chiedere la grazia, di dire le cose come stavano.La coerenza e l’ironia sono altri suoi tratti distintivi. Per questo Sandro, lo chiamo così perché é vicino al nostro cuore, con una battuta era capace di risolvere i problemi» lo ricorda così l’Onorevole Angelo Tiraboschi, che durante il biennio 1976-1978, sedeva al fianco di Pertini come capolista del PSI alla Camera dei Deputati: «Noi dobbiamo inchinarci alla sua memoria perché Pertini ancora oggi porta avanti la fede per la democrazia. Rimane sempre attuale quello che diceva: non c’é libertà senza giustizia sociale, non cé giustizia sociale senza libertà».

La memoria di Sandro Pertini verrà onorata anche il 6 Marzo al Circolo Cittadino, affiancato anche alla memoria di un’altra grande figura politica, che è quella di Bettino Craxi.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

1 Commento su Inaugurata via Sandro Pertini: oggi il ricordo del Presidente più amato dagli italiani

  1. Io lo ricordo con una poesia scritta per lui.

    Al compagno Sandro

    Come l’acqua della sorgente,
    limpida la tua coscienza.
    Onesto il tuo operato
    di uomo politico
    e di Partito.

    Da quando sei nato,
    per la pace,la libertà,
    hai sempre lottato,
    commettendo un grave reato,
    degno d’essere incatenato
    e condannato.

    Nessuno ha fermato
    la tua mano,
    il tuo essere partigiano,
    e così sei diventato,
    il Presidente più amato
    del popolo Italiano.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.