Inaugurato a Jesi il più grande impianto di stoccaggio di cereali delle Marche

JESI – C’è un ritrovato amore per la terra e per la riscoperta della tradizione nel nuovo centro di stoccaggio cereali di Jesi, realizzato e inaugurato oggi dal Consorzio Agrario della Provincia di Ancona alla presenza delle autorità e delle istituzioni locali e regionali.

Erano presenti, insieme ad Alessandro Alessandrini e ad Andrea Novelli, rispettivamente presidente e  direttore del Consorzio Agrario, la vice presidente nonché assessore all’Agricoltura regionale Anna Casini e il sindaco del Comune di Jesi Massimo Bacci. A presenziare la giornata inaugurale anche il Consigliere regionale Enzo Giancarli, l’On. Emanuele Lodolini, l’On. Piergiorgio Carrescia e una delegazione pontificia dalla Santa Casa di Loreto.

Il nuovo centro di stoccaggio cereali di Jesi, sito in via Ancona 116, è ad oggi uno dei più grandi dell’intero territorio regionale, con una capacità che si attesta sui 120 mila quintali.

La struttura è tornata infatti alla sua originaria destinazione agricola, dopo che, per oltre un decennio, si parlava di una demolizione per trasformare questa rilevante cubatura ormai abbandonata in capannoni di aree produttive a beneficio della vicina zona industriale.

Inizialmente realizzato agli inizi degli anni ’80 –  con un intervento privato frutto di prospettive e speranze che all’epoca erano certamente diverse da quelle che poi si concretizzarono – per troppi anni il centro restò non utilizzato e lasciato in uno stato di prossimo abbattimento. Acquistato dal Consorzio Agrario di Ancona, è stato rimesso a nuovo con un importante investimento superiore al milione di euro che ha permesso di recuperare tutti gli 11 silos presenti e di rendere la struttura pienamente funzionale, a servizio dei mulini del territorio e, dunque, di migliorare anche la logistica in un’area, quella della Valllesina, strategicamente posizionata al centro della provincia.

Con una capienza nettamente superiore agli altri 40 centri di stoccaggio, completa la capacità di ammassamento del Consorzio Agrario, realtà che detiene il 30% della quota di grano duro della provincia anconetana. Tale provincia registra la superficie più estesa di questo cereale (quasi 50 mila ettari) in una regione che per produzione di grano duro è dietro solo a Puglia e Sicilia.

OLTRE 73 MILIONI DI FATTURATO, 500 SOCI, 9 MILA CLIENTI: NUMERI IN CRESCITA PER IL CONSORZIO AGRARIO DI ANCONA

Il Consorzio Agrario della provincia di Ancona è una delle realtà più solide e consistenti nel panorama del settore primario della regione Marche. Forte di 500 soci, 9 mila clienti attivi, 6 mila aziende agricole conferenti cereali, 56 dipendenti e 24 agenti qualificati, ha 34 sedi di proprietà ubicate in tre province, un fatturato che supera i 73 milioni di euro, in continua crescita e con interessanti prospettive.

“Manteniamo una gestione prudente – sottolinea il presidente del Consorzio Alessandro Alessandrini e il direttore Andrea Novelli – forti della nostra storia e convinti delle potenzialità delle nostre strutture per rispondere al meglio alle esigenze degli operatori agricoli, in un contesto certamente non facile ma dove vogliamo continuare a recitare fino in fondo la nostra parte per contribuire ad assicurare piena competitività all’agricoltura marchiagiana”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*