Inaugurato il Museo Archeologico: «Jesi, città di Cultura nelle Marche». | | Password Magazine

Inaugurato il Museo Archeologico: «Jesi, città di Cultura nelle Marche».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Battesimo per il Museo archeologico e per i Musei Civici di Palazzo Pianetti, inaugurati oggi nella nuova sede di via XV settembre.

Un traguardo, dopo ben dieci anni di chiusura, costato circa 1,3 milione di euro, somma quasi interamente reperita da risorse di bilancio comunale: «Una scelta forte a conferma di quanto la cultura e il recupero della nostra storia siano per noi importante. Dopo il Museo Stupor Mundi Federico II, un secondo Museo a distanza di pochi mesi» ha detto il sindaco Massimo Bacci alla cerimonia di taglio del nastro, affiancato dall’assessore alla Cultura Luca Butini.

Presenti in questa giornata di festa anche le istituzioni politiche locali e ministeriali: dall’assessore regionale Moreno Pieroni, che ha parlato di «Jesi come città della cultura marchigiana, da valorizzare» all’ Arch. Carlo Birrozzi, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche che ha indicato nel museo «una chiave per responsabilizzare i cittadini sulla ricchezza del territorio».

C’era anche il direttore della Galleria Nazionale delle Marche Dr. Peter Aufreiter, già stato a Jesi per l’inaugurazione del Museo Stupor Mundi, il consigliere regionale Enzo Giancarli, sindaci e assessori dei Comuni limitrofi,  imprenditori locali, da Gennaro Pieralisi a Daniele Crognaletti.

In tanti insomma per effettuare il primo tour del Museo che, sistemato nelle rinnovate Scuderie di Palazzo Pianetti, raccoglie testimonianze rinvenute nella città e nella Vallesina. Da domani, anche le Scuderie saranno poi aperte ufficialmente al pubblico.

«Un Museo di tutto il territorio e non solo della città», è stato più volte ribadito, alimentato nella dotazione con ulteriori reperti della Vallata e nella fruizione con la presenza degli alunni di Jesi e della Vallesina, anche avvalendosi dell’aula didattica appositamente predisposta.

Dopo l’ingresso, dal pian terreno di Palazzo Pianetti, si attraversano due ambienti: il primo è un corridoio, con reperti che vanno del Paleolitico all’Eneolotico (fino a 700 mila anni indietro nel tempo). Il secondo ambiente contiene ceramiche, vasellami e altre testimonianze del periodo Piceno (dal IV al I secolo a.c.).

Infine si arriva nella Galleria con le statue d’età giulio-claudia e una collezione di ritrovamenti avvenuti recentemente negli scavi al Foro Boario. Ma c’è spazio per eventuali nuovi arrivi : anzi, la speranza è che la raccolta possa ancora arricchirsi.

Questo porta anche in prospettiva a pensare ad un altro obiettivo previsto nel programma di mandato, qual è il recupero della cisterna romana posta sotto Palazzo Mestica, dove tra l’altro sono state ritrovate le statue più importanti presenti in questo Museo, che può diventare anch’essa una attrazione culturale importante. Per questo, sarà inserito nel programma Art Bonus per reperire risorse per il recupero.

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.