Inaugurato il nuovo centro Azzeruolo, Bacci: «Non ci fermeremo qui» | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Inaugurato il nuovo centro Azzeruolo, Bacci: «Non ci fermeremo qui»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Centro Azzeruolo è finalmente realtà. Il primo centro regionale residenziale, rivolto a soggetti autistici adulti, è stato finalmente inaugurato in una cerimonia pubblica avvenuta questa mattina a partire dalle ore 11:30.

Un progetto iniziato molti anni fa, avviato dall’allora Assessore ai Servizi Sociali Cerioni, nel 1999. A 20 anni di distanza il progetto si è fatto realtà, grazie al lavoro sinergico dell’Amministrazione Comunale, della Regione, e soprattutto delle famiglie dei soggetti autistici che non hanno mai smesso di portare avanti questo che fino a poco fa, sembrava solo utopÍa.

Il Centro Azzeruolo ha vissuto, negli anni, un profondo degrado e abbandono, creando lo sdegno nelle famiglie degli utenti che, negli anni, hanno esortato il Sindaco di Jesi Massimo Bacci, stimolando in lui la tenacia nel portare avanti, o meglio nel far risorgere, questo ambizioso progetto: “Una grandissima soddisfazione, in questa mattinata ho ripercorso tutto questo lungo periodo di lavoro e impegno, mando un abbraccio. Non ci fermeremo qui, creeremo le condizioni anche per istituire il centro diurno: amplieremo la struttura e in comune accordo con la Regione, Asur e Asp cercheremo di ospitare anche altre persone. Un abbraccio vero a tutti” – sono le parole commosse pronunciate dal Sindaco Bacci.

Dal 2014 quindi, l’Amministrazione Comunale ha sollecitato quella Regionale, facendo da pioniere di una realtà del tutto sperimentale: “Portare fino a fondo un’incompiuta, è come sistemare uno spartito. La soddisfazione grande è stata quella nel trovare un senso a questo progetto così lungo e grande: la risposta testimonia tutto l’impegno, la sensibilità delle persone, uomini e donne, marchigiani, che possono dire, con vanto, di avere una diffusa e qualificata offerta di servizi. Segno di una cultura e di vicinanza che ci appartiene: il saper fare le cose bene e con grande impegno. Questo risultato è un inno alle caratteristiche migliori del nostro territorio e delle nostre persone. Il bene umano è un bene prezioso” – afferma nel suo intervento il Presidente Regionale Luca Ceriscioli, presente anche lui alla cerimonia di questa mattina.

L’accompagnamento musicale del maestro Marco Santini ha fatto poi spazio alle parole di una rappresentante delle famiglie di soggetti autistici, Carla Raffaeli, la quale con forte emozione ha affermato: “Non è stato un percorso facile. Io ho bussato molte porte, mi hanno sempre aperto, credo di essere stata educata, ma rompiscatole. Egoisticamente l’ho fatto per le mie figlie, ma anche per tutti i Francesco (il nome di suo figlio, autistico). Questa casa non deve rimanere un posto chiuso, emarginato, ma anzi deve aprirsi a tutta la società, anche a chi vuole semplicemente portare un dolce a questi ragazzi. Questi ragazzi devono essere integrati, anche perché chi dice dove sta la normalità e dove la problematicità? Ringrazio la mia famiglia in primis e le istituzioni tutte, buon lavoro e buona vita!”

Dulcis in fundo, l’intervento dell’Assessore ai Servizi Sociali, Maria Luisa Quaglieri: “Quando si fa un progetto lo si fa bene. Questo non è contenitore, è una casa: e una casa va gestita e arredata al meglio. Nel procedere con le linee guida dell’arredamento, dei colori, dei letti, del materiale, abbiamo avuto il supporto di professionisti come il Dottor Moderato e la Dottoressa Stoppioni. Azzeruolo è il nome di un fiore, che dapprima sembra urticante, ma che poi, se coltivato e accudito, fa nascere bacche bellissime e colorate. Con questa visione, ecco il nostro Azzeruolo.”

Il centro residenziale ospiterà otto utenti, ma al suo esordio ci saranno inizialmente solo tre o quattro soggetti, che gradualmente verranno inseriti nella struttura e supportati da educatori, infermieri e OSS. Le stanze sono state realizzate con una visione di creare un ambiente famigliare, caldo e accogliente, dotato di tutte le commodity necessarie, con camere sia singole che doppie, per accogliere qualsiasi tipo di esigenza.

La struttura si trova in Via Roncaglia 58, nelle cuore delle campagne jesine che ospiteranno i primi opsiti.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.