Inaugurato il nuovo Centro Servizi Caritas di via Papa Giovanni XXIII | Password Magazine
Lulù  

Inaugurato il nuovo Centro Servizi Caritas di via Papa Giovanni XXIII

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Inaugurato ieri pomeriggio il nuovo Centro Servizi Caritas di via Papa Giovanni XXIII, realizzata con l’intervento sostanzioso dell’Otto x mille, con il contributo della Cei e di Caritas Italiana.

La struttura è operativa già dallo scorso aprile e di fatto ha accolto i servizi che prima erano garantiti nella parrocchia di San Giuseppe, non più adatta a rispondere alle esigenze.

La nuova sede Caritas – di dimensioni pari a 1300 mq –  si compone di due blocchi complessivi, uniti da un corridoio, ciascuno costituito da due livelli. Il centro è utilizzato non solo come punto di accoglienza ma anche come sede dei servizi: in un blocco dell’edificio sono confluiti il centro di ascolto, il servizio mensa, la raccolta di alimenti e indumenti, le attività di sostegno e di formazione; l’altro è invece destinato all’accoglienza, con a disposizione 15-18 posti letto e circa tre monolocali con ingresso indipendente da destinare a famiglie sfrattate e senzatetto.

La mensa conta circa 40 posti a sedere, con una capacità di coprire fino a 200 pasti. Sono 150 le persone che ci lavorano.

Presenti al rito del taglio del nastro, davanti ad un folto pubblico di cittadini, autorità e forze dell’ordine, oltre al direttore della Caritas Diocesana di Jesi Marco D’Aurizio, il Vescovo Don Gerardo e il Cardinale Francesco Montenegro, presidente di Caritas Italiana, in visita nelle Marche. Non poteva mancare il sindaco Massimo Bacci e il presidente dell’ ASP Sergio Mosconi.

Dopo i ringraziamenti del direttore D’Aurizio, il Primo cittadino ha parlato di «una struttura che risponde ai bisogni concreti di chi è in difficoltà e che offre opportunità di creare sinergie», sottolineando l’importanza del terzo settore per la comunità.  «La collaborazione tra associazionismo e Pubblica Amministrazione è un dovere, di estrema utilità – ha detto Mosconi – Questa struttura è la fine di un percorso iniziato dell’ASP 21 Comuni con l’apertura della Casa delle Genti, nata per offrire un tetto a chi non l’aveva».

Il vescovo Don Gerardo ha poi spiegato qual è il significato della cerimonia inaugurale, non tanto un’occasione per esprimere giudizi sui risultati finali ma per «sentire l’esigenza della solidarietà e vincere l’indifferenza, con il desiderio di non chiudere gli occhi e il cuore di fronte a chi soffre». Un’opera – segno, l’ha definita infine il cardinale Francesco Montenegro: «I segni servono ad indicare qualcosa di più grande: e questa struttura ricorda che qui ci sono uomini che hanno bisogno di sentirsi meno soli». (C.C.)

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.