Inaugurazione Distretto sanitario, non invitato il sindaco di Jesi. Bacci: "Basta ai campanilismi". Carbini: "Solo uno spiacevole disguido tecnico". | Password Magazine
Festival Pergolesi

Inaugurazione Distretto sanitario, non invitato il sindaco di Jesi. Bacci: "Basta ai campanilismi". Carbini: "Solo uno spiacevole disguido tecnico".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Un’inaugurazione al centro della polemica quella del rinnovato Distretto Sanitario di Moie, svoltasi sabato scorso alla presenza dell’autorità locali e regionali. Il sindaco di Jesi Massimo Bacci manifesta pubblicamente attraverso una nota diffusa la sua indignazione per non aver ricevuto l’invito a partecipare, scusandosi con i cittadini di Moie e dei Comuni della Vallesina per la sua assenza: “Non sono stato invitato, mi è stato spiegato per uno spiacevole disguido – ha dichiarato il sindaco di Jesi – Ne prendo atto, con il beneficio del dubbio e la consapevolezza che comunque mi sarei trovato di fronte anche personaggi che rappresentano la sanità regionale di cui non condivido né logiche né pressioni politiche”.

“Continuo a pensare – aggiunge il primo cittadino – che di fronte al depauperamento dei servizi sanitari del bacino di Jesi e della Vallesina gli amministratori debbano superare logiche campanilistiche e di partito e ragionare in termini più ampi. Perché solo l’unità di azione può permettere che i 110 mila residenti di quest’area possano avere un ospedale finalmente completato ed efficiente, dove le liste di attesa per qualsiasi esame o visita non continuino ad essere inaccettabili”

Risponde prontamente il sindaco di Maiolati Giancarlo Carbini: “Per un banale disguido, senza assolutamente alcuna malizia, né retropensiero, alcuni inviti non sono partiti. Tra questi, quelli a diversi medici di base e quello al comune di Jesi. Una banalissima questione pratica, come successo purtroppo altre volte, e di cui mi sono prontamente scusato con Bacci, inviandogli un messaggio subito dopo la cerimonia”

Nessuna macchinazione o mancanza di rispetto, dunque, ma solo uno spiacevole disguido tecnico, imprevisto e non voluto: “Abbiamo sempre sostenuto, e agito di conseguenza, che la Vallesina senza Jesi è un corpo senza testa, e viceversa. Il Comune di Jesi è sempre stato invitato alle nostre manifestazioni – aggiunge il sindaco di Maiolati Spontini –  ” A dimostrare la nostra buona fede, fra l’altro, anche l’invito a Pesaresi e Cingolani dell’ASP. Le ‘logiche campanilistiche e di partito’ richiamate da Bacci non fanno parte del nostro modo di amministrare e ci dispiace che Bacci si riservi ancora il “beneficio del dubbio” ma per noi la questione è chiusa. Avremo modo di chiarirci meglio di persona: il nostro territorio, soprattutto in questo momento, di tutto ha  bisogno meno che di polemiche inutili”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.