Incendio al Galilei, studenti in protesta: "Difendiamo il nome dell'Istituto" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Incendio al Galilei, studenti in protesta: "Difendiamo il nome dell'Istituto"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una protesta per difendere il nome dell’Istituto dal polverone sollevato dalla cronaca locale, dopo l’incendio provocato sabato scorso da un piromane, ancora nascosto tra i banchi.

Lo hanno deciso gli studenti del Galilei, una debole voce in mezzo a tanto rumore  – si definiscono – pronta a manifestare pubblicamente la loro indignazione contro l’autore dell’incendio di sabato scorso, la cui identità è ancora al vaglio degli inquirenti. Una “bravata” che è costata cara e che rischia di compromettere il prestigio dell’Istituto.

Un atto di criminalità che ha infangato gli anni di opere e i riconoscimenti – affermano gli studenti – oltre che aver procurato danni e messo a rischio delle vite.

“Negli ultimi giorni si è sentito parecchio parlare della scuola I.I.S. Galileo Galilei di Jesi ,la nostra scuola. È da studenti che oggi parliamo a voi lettori, perché non vogliamo che in seguito a diffamazioni e spiacevoli eventi questo istituto venga sminuito. È noto che da qui escono molti ragazzi con un alto livello di preparazione e che raggiungono traguardi importanti – si legge dalla nota informativa inviata dai ragazzi della 4^ Aba –  Sono gli eventi più spiacevoli ad essere messi in rilievo, soffocando così elogi e riconoscimenti  che vengono subito dimenticati.  A causa di questa cattiva pubblicità il nostro futuro viene compromesso, riducendo anche la nostra possibilità di ottenere un lavoro. Perciò in questo momento noi studenti siamo qui a lavorare e ad impegnarci insieme per farci sentire, alzando i nostri striscioni per difendere questa scuola”.

A scatenare l’episodio di sabato scorso, è stato un fumogeno che, avvolto nella carta igienica e piazzato in un armadietto, è stato fatto esplodere creando un piccolo incendio e creando del fumo che ha avvolto l’intero piano dell’edificio. A dare l’allarme uno studente che si trovava in bagno in quel momento, un ragazzo del terzo anno che, estintore in mano, ha avvertito professori e personale e fatto scattare il piano di evacuazione.

Sarebbe proprio lui il principale sospettato, lui che un paio d’anni fa era già stato autore di una bravata filmando con il cellulare alcune ragazze mentre si cambiavano negli spogliatoi.

 

(A cura di Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.