Incendio doloso al Galilei, tra i banchi si cerca il piromane | | Password Magazine

Incendio doloso al Galilei, tra i banchi si cerca il piromane

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Proseguono le indagini dei Carabinieri per risalire al colpevole dell’incendio appiccato sabato scorso.  A scatenare l’episodio è stato un fumogeno che, avvolto nella carta igienica e piazzato in un armadietto, è stato fatto esplodere creando un piccolo incendio e creando del fumo che ha avvolto l’intero piano dell’edificio. A dare l’allarme uno studente che si trovava in bagno in quel momento, un ragazzo del terzo anno che, estintore in mano, ha avvertito professori e personale e fatto scattare il piano di evacuazione.

Sarebbe proprio lui il principale sospettato, lui che un paio d’anni fa era già stato autore di una bravata filmando con il cellulare alcune ragazze mentre si cambiavano negli spogliatoi.

E sarebbe stato proprio il ricercato piromane ad aver bruciato venerdì scorso anche i due rotoli di carta igienica dentro all’ascensore.

Sono giorni di tensione tra gli studenti del Galilei. I collaboratori scolastici conoscono le facce di tutti i ragazzi, specie nella palazzina B dove è stato appiccato l’incendio e dove sono ubicate due classi terze (sezioni A e C), una seconda (la E) e una quarta (B), una novantina di studenti in tutto. Il piromane è tra loro.

Il ragazzo sospettato si difende dalle accuse che volano a scuola e che si diffondono attraverso i social : “Quello che cercate è un capro espiatorio ma io ho dei testimoni – scrive in un post –  Tengo a precisare che in entrambe gli episodi (venerdì e sabato) sono sempre stato accompagnato dappertutto e l’ascensore è andato a fuoco al piano terra mentre io ero al piano 4”.

Intanto il cerchio dei sospettati si stringe e presto le indagini dei carabinieri della Compagnia di Jesi daranno un nome allo studente che ha messo a rischio l’incolumità di 750 ragazzi e causato 800 euro di danni.

(Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.