28 anni dopo - Da Mayak a Fukushima passando per Chernobyl | Password Magazine
Festival Pergolesi

Da Mayak a Fukushima, gli anni degli incidenti nucleari: domani il convegno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Il 31 Dicembre, alle 16:30, presso il Palazzo dei Convegni, in Corso Matteotti, a Jesi, in occasione dell’inaugurazione della mostra “28 anni dopo” di Francesco Coppari, relativa all’incidente di Chernobyl, la Pro Loco Jesi e l’Assessorato alla Cultura hanno deciso di affrontare il delicato tema dell’energia nucleare, con testimonianze preziose che si collegano ed approfondiscono i temi già trattati durante la mostra “Senzatomica”, ospitata nelle stesse stanze fino a pochi giorni fa.

“Abbiamo deciso di dare un prosieguo coerente alla mostra/installazione “Senzatomica”, il cui messaggio, chiaro ed unanimamente condiviso, tocca solo una minima parte, forse quella di per sè più conosciuta, del complicato mondo dell’energia atomica, che non si esaurisce con il racconto dell’orrore di Hiroshima e Nagasaki, anzi, è proprio da qui che inizia la sua divulgazione su scala globale – spiegano gli organizzatori –  Nei primi anni ’50, l’ URSS, inseguendo gli Stati Uniti nella produzione del plutonio, scatenarono il primo vero incidente nucleare civile della storia, conosciuto con il nome di “Kysthym 57″. Ad oggi è quello che ha rilasciato più elementi radioattivi nell’ecosistema. A distanza di qualche decennio arrivò Chernobyl che, con il suo mantello, avvolse l’Europa. E ancora oggi, in Italia, se ne pagano le conseguenze”.

Si arriva poi a Fukushima, nell’avveniristico Giappone, un Paese preciso e diligente secondo l’immaginario comune ma che la realtà dei fatti ha dimostrato essere inerme di fronte alla potenza della natura e all’incompetenza umana.
Se ne parlerà insieme al Dr. Pierpaolo Mittica, fotoreporter di fama internazionale, profondo conoscitore di tutto ciò che concerne l’energia nucleare, e ad oggi, unico in Italia a poterne parlare con cognizione di causa, essendosi recato di persona più volte nei luoghi dei disastri.
Insieme a lui sarà presente Il Dr. Michele Marcolin, antropologo e ricercatore residente in Giappone, il quale ha seguito e documentato le varie fasi e i differenti momenti che hanno caratterizzato l’emergenza nipponica, specialmente sotto il profilo socio culturale.
La conferenza anticiperà l’inaugurazione del giovane fotografo jesino Francesco Coppari, con la mostra “28 anni dopo”, nata dalla sua permanenza di quattro giorni all’interno della zona di esclusione di Chernobyl.
Modererà l’incontro Alessandro Tesei, reporter e regista jesino, il quale ha toccato più volte con i suoi lavori il delicato tema delle conseguenze sulla vita delle persone colpite da disastri nucleari.
Appuntamento mercoledì 31 dicembre alle 16:30 a Palazzo dei Convegni di Jesi (AN), per chiudere questo 2014 con un pochino di consapevolezza in più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.