Incontro Regione e Rfi: «Potenziare Orte-Falconara, Interporto di Jesi, corridoio adriatico». | Password Magazine

Incontro Regione e Rfi: «Potenziare Orte-Falconara, Interporto di Jesi, corridoio adriatico».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Missione romana, sino a tarda sera mercoledì, per il Presidente Francesco Acquaroli e l’Assessore regionale alle Infrastrutture Francesco Baldelli.

«Un incontro positivo – spiegano – che ci ha permesso di affrontare il tema delle infrastrutture ferroviarie con una visione di insieme dell’intero territorio regionale e che verrà riproposto a breve per definire nei dettagli la collaborazione tra Rfi e Regione Marche».

Presidente e Assessore si sono confrontati con l’Ad di Rfi, Vera Fiorani, e l’ingegnere di Rete Ferroviaria Italiana, Colaneri. Tra i vari temi al centro della discussione anche il potenziamento della Orte-Falconara e il cronoprogramma di sua realizzazione e che Regione Marche e Rfi vogliono velocizzare, con l’obiettivo di concludere la velocizzazione della tratta di 40′ minuti, entro agosto 2026.

Non di secondaria importanza anche la necessità del potenziamento dell’Interporto di Jesi che, per garantire una efficace intermodalità, dovrà essere dotato di una stazione ferroviaria in grado, nel prossimo futuro, di accogliere treni della lunghezza di 750 metri in luogo degli attuali 450.

Un focus particolare è stato poi dedicato ad altri due temi fondamentali delle nuove politiche della giunta regionale che punta all’ammodernamento e all’interconnessione delle sue infrastrutture.

Presidente e Assessore hanno infatti posto l’attenzione sulla necessità di avviare un serio confronto sulla volontà di arretramento della linea adriatica e quindi sulla realizzazione della tratta dell’alta velocità tra Bologna e Lecce, nonché sullo studio di fattibilità di una rete ferroviaria delle aree interne che, oltre alla Ascoli-Porto d’Ascoli, colleghi, in un unico anello ferroviario marchigiano, la Civitanova Marche-Albacina alla Fabriano-Pergola e alla Fano-Urbino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.