Incontro sul Nobel per la Pace all'Europa. Butini: "Rispetto e dialogo, un insegnamento valido per tutti". | Password Magazine
Festival Pergolesi

Incontro sul Nobel per la Pace all’Europa. Butini: "Rispetto e dialogo, un insegnamento valido per tutti".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, la professoressa Laschi e l’assessore Butini

JESI – Più che buono il successo dell’incontro svoltosi al Teatro Moriconi su iniziativa della Consulta perla Pace e del Comune di Jesi. Circa cento persone hanno avuto la possibilità di discutere sul significato della recente attribuzione del premio Nobel perla Pace all’Unione Europea con la professoressa Giuliana Laschi, titolare della cattedra di Storia dell’integrazione europea presso la Facoltà di Scienze Politiche di Forlì. Le tappe fondamentali del processo di pacificazione europeo sono state ripercorse con uno sguardo critico, particolarmente severo in relazione agli eventi più recenti ed alla gestione della situazione attuale. È emersa, anche dopo l’intensa e costruttiva discussione che è seguita alla relazione della professoressa Laschi, la necessità di promuovere innanzitutto la conoscenza delle tematiche trattate a livello europeo, delle dinamiche decisionali, delle strutture e degli organismi ai quali i cittadini europei affidano alcune decisioni di importanza assoluta per il proprio futuro.

La scarsa conoscenza, questo tema non fa eccezione, porta inevitabilmente a giudizi superficiali ed affrettati e quindi espone al rischio di errore, da evitare specie quando si tratta di argomenti dai quali dipende il futuro di milioni di cittadini. “Se l’Europa così com’è ora non ci piace, impegniamoci a cambiarla”, la frase con cui la relatrice ha concluso il suo intervento.

La consapevolezza che la pacificazione sia un processo in continuo divenire, che richiede di essere continuamente alimentato con il contributo di tutti ha trovato concordi i molti cittadini ed i rappresentanti delle associazioni convenute. Gli insegnamenti tratti e i tanti spunti emersi, trasferiti dall’ambito sovranazionale a quello locale, potranno aiutare a definire buone pratiche per il mantenimento ed il miglioramento della solidarietà e della buona convivenza civile anche a livello cittadino. Onestà intellettuale, rispetto reciproco e disponibilità al dialogo fra i requisiti indispensabili, alcuni dei quali non sono stati manifestati da parte dei rappresentanti di associazioni che, in maniera pregiudizievole, hanno deciso di non aderire all’iniziativa, rivelatasi invece assai costruttiva per la cittadinanza.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.