Incubo Coronavirus, al Carlo Urbani il Cup è vuoto | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Incubo Coronavirus, al Carlo Urbani il Cup è vuoto

JESI -«Non ci piace fare allarmismi e non sta a noi dare indicazioni sulla gestione del coronavirus ma stando giornalmente in ospedale, stiamo riscontrando alcuni aspetti che ci preoccupano sia da un
punto di vista della prevenzione della malattia sia dal punto di vista della eventuale gestione di una
emergenza simile a quella che si è verificata al nord». A parlare è il responsabile per il Tribunale dei Diritti del Malato Pasquale Liguori: «Cominciamo col dire che il cittadino della
Vallesina è già entrato in una fase di psicosi da virus come dimostra il fatto che alle ore 9 di lunedì
mattina il CUP era letteralmente vuoto, cosa che non capita mai, come dimostra il fatto che sono
introvabili in farmacie e market prodotti per l’igiene delle mani e della casa». Per tranquillizzare il paziente in ospedale, in particolare nei luoghi a maggiore concentrazione di persone come CUP e sale di attesa, per dare in qualche modo tranquillità al paziente, il Tribunale per i Diritti del Malato suggerisce l’installazione di distributori di gel alcolici per il lavaggio delle mani ma anche fazzoletti di carta da utilizzare in caso di necessità. «Tutto ciò sarebbe da replicare anche negli studi dei Medici di medicina generale .Ma in ospedale ci preoccupa anche l’organizzazione dei locali del Pronto soccorso – aggiunge Liguori -. L’ultima circolare del Ministero della salute dice che l’accesso al PS di pazienti con sintomi respiratori deve avere un percorso immediato e un’area dedicata per il triage onde evitare contatti con altri pazienti in attesa (visti gli spazi risicati del PS abbiamo qualche
dubbio che si possa realizzare).

Un altro aspetto non meno preoccupante è quello che molti genitori, di studenti universitari della Vallesina che frequentano università della Lombardia che «preoccupati per la situazione coronavirus, hanno pensato bene, come farebbe ogni genitore, di prelevare i propri figli e portarli a casa – spiega Liguori -. A tal proposito facciamo un appello ad ASUR, MMG e amministrazione comunale di intensificare ,nello specifico, la comunicazione in modo da tranquillizzare il cittadino sulla gestione protetta di soggetti provenienti da aree a rischio».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.