Innovazione e Responsabilità Maiolati: "Il PD locale un'ineluttabile tendenza all'autolesionismo" | | Password Magazine

Innovazione e Responsabilità Maiolati: “Il PD locale un’ineluttabile tendenza all’autolesionismo”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Il Gruppo consiliare Innovazione e Responsabilità di Maiolati Spontin  invia una nota stampa sulla vicenda dello sversamento di digestato nelle acque dell’Esino: “Il PD locale non finisce mai di sorprendere, ci accusa di non aver preso posizione contro l’inquinamento da digestato e di praticare, secondo loro, una specie di doppio pesismo rispetto la discarica di Cornacchia – scrive il capogruppo Aldo Cursi –  Di solito le battaglie politiche si fanno su dei conflitti aperti dove le posizioni sono contrastanti. Qui è stato tutto chiaro fin da subito”.

Il capogruppo Cursi passa poi al riesame della vicenda: “Un privato (tra l’altro recidivo!!!) ha distribuito su dei terreni grandi quantità di digestato in modo irregolare, determinando un grave inquinamento del suolo, del fosso del Lupo e di un lungo tratto dell’Esino.Il Corpo forestale dello Stato è prontamente intervenuto, ha rilevato il reato ed i responsabili che sono stati subito denunciati, ai sensi delle leggi vigenti. Il Sindaco, una volta tanto, ha redatto l’Ordinanza di sua competenza con sufficiente tempestività.L’ unica cosa da rilevare in questa circostanza, riguarda un sincero apprezzamento per la tempestività degli interventi delle Autorità pubbliche preposte e comunque la discussione in merito si sarebbe tenuta  in occasione del prossimo consiglio comunale”.

E aggiunge: “Visto che gli amici del PD hanno lanciato il sasso, cogliamo l’occasione per rimarcare le gravissime responsabilità di chi sta consentendo la prosecuzione del funzionamento di questi impianti, dopo averli illegittimamente autorizzati. Ricordiamo le durissime battaglie di qualche tempo fa, dei comitati di cittadini, di alcune forze politiche contro la realizzazione di questi impianti, sui quali i Sindaci della Vallesina o hanno dato il nulla-osta o sono rimasti inerti. Altro che silenzio! Al momento opportuno c’è stata una battaglia durissima, analoga a quella più recente contro l’ampliamento della discarica che, ha portato all’ annullamento delle autorizzazioni da parte del TAR, vanificato con l’ ulteriore rinnovo della Regione Marche. Se la Regione avesse agito responsabilmente il problema non si sarebbe posto. Gli impianti erano fermi ed il digestato da smaltire non c’era più”.

E conclude: “Per cercare i veri responsabili di questa vicenda quindi, cari amici del PD locale, bisogna guardare dentro la Regione Marche, Ente di cui il PD è stato e rimane principale forza di governo, con due consiglieri provenienti dal territorio, Badiali e Giancarli, ampiamente supportati dai circoli della Vallesina. Con il PD regionale avete più voce in capitolo voi!Usatela a favore del territorio e non cercate diversivi inconcludenti per favore !!!”

 

                                                                                                Comunicato da: Aldo Cursi – “INNOVAZIONE E RESPONSABILITA'”

                                               

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.