Intercettazione sul futuro, il fenomeno dei NEET

JESI – L’acronimo NEET (Not in Education, Employment or Training) è stato coniato nel Regno Unito verso la fine del secolo scorso. L’utilizzo diffuso inizia dal 2010 quando l’UE adotta il tasso di NEET come indicatore di riferimento sulla condizione delle nuove generazioni. Rispetto all’usuale tasso di disoccupazione giovanile, nell’indicatore sono compresi tutti i giovani inattivi, non solo i disoccupati in senso stretto.

Si stima che in Italia siano più di 2,2 milioni i giovani che non studiano, non lavorano e non sono inseriti in alcun percorso di formazione. Queste sono le premesse da cui parte il desiderio da parte dell’equipe del Progetto Policoro della diocesi di Jesi di approfondire l’argomento NEET attraverso un incontro di formazione organizzato per mercoledì 13 dicembre presso il Centro Pastorale diocesano di via L. Lotto n.14 per far conoscere a tutti gli interessati tale problematica emergente e ormai presente anche nel nostro territorio. L’incontro vedrà la presenza di un docente di Demografia e Statistica Sociale, Emiliano Sironi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che presenterà la sua ricerca svolta su contesto nazionale “Una generazione in panchina: da NEET a risorsa per il paese”; e il Dott. Stefano Mastrovincenzo direttore IAL nazionale (Innovazione Apprendimento Lavoro) che illustrerà strumenti pratici e proposte concrete per affrontare il disagio generato da questa problematica. Sono invitati a partecipare tutti coloro che a vario titolo si occupano dei giovani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*